Home » Medicina » Il lato oscuro dei supereroi: potrebbero rendere i bambini aggressivi

Il lato oscuro dei supereroi: potrebbero rendere i bambini aggressivi

I supereori potrebbero avere un lato negativo: potrebbero “istigare” alla violenza. I bambini che sono molto a contatto con il mondo dei loro beniamini fantastici potrebbero essere maggiormente esposti a diventare aggressivi nel tempo dal punto di vista fisico e relazionale. A rivelarlo è uno studio guidato dalla Brigham Young University, pubblicato sul Journal of Abnormal Child Psychology.

La ricerca
Gli studiosi hanno preso in esame 240 bambini, maschi e femmine, i cui genitori hanno risposto circa il livello di coinvolgimento nella cultura dei supereroi. Alle mamme e ai papà è stato chiesto quanto spesso i piccoli guardassero i supereroi e quanto vi si identificassero. I bambini sono stati anche intervistati singolarmente ed è stato chiesto loro di identificare 10 supereroi popolari e indicare il loro preferito.

Il 10% dei bimbi che ha specificato le caratteristiche del proprio super-eroe del cuore ha indicato l’aspetto di protezione dei più deboli. Il 20% si è rifatto invece ad alcune caratteristiche violente. Il restante 70% era invece neutro nei commenti. Dai risultati della ricerca, con rilevazioni in due momenti diversi, è emerso che un coinvolgimento intenso dei bambini in età prescolare con i supereroi era legato a una maggiore aggressività di tipo fisico e relazionale un anno dopo, mentre al contrario da questo non dipendeva un maggiore aiuto agli altri.

L’autrice Sarah M. Coyne spiega che i risultati suggeriscono di non eliminare i super-eroi, ma con moderazione farli diventare una delle tante attività che i bimbi svolgono, teorizzando che una delle ragioni per cui i piccoli possono focalizzarsi sul comportamento violento e non su altri aspetti è la complessità con cui i super-eroi vengono rappresentati.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*