Home » Hi-Tech » Ideato dispositivo per diagnosi in 2 ore delle infezioni batteriche

Ideato dispositivo per diagnosi in 2 ore delle infezioni batteriche

Creato un dispositivo portatile che diagnostica in due ore molte pericolose infezioni batteriche e che non ha bisogno di sofisticate apparecchiature di laboratorio o personale specializzato per funzionare.

Si chiama PAD e trasferisce la diagnosi direttamente sullo schermo di un pc o di uno smartphone. E’ stato sviluppato presso il prestigioso Massachusetts General Hospital (MGH) di Boston in una ricerca pubblicata sulla rivista Science Advances.    Con i metodi microbiologici tradizionali ci vogliono in media cinque giorni per ottenere la diagnosi di infezione batterica. Spesso cinque giorni sono troppi per iniziare una appropriata terapia antibiotica che debelli l’agente patogeno.

PAD, che analizza il materiale genetico dei patogeni ricavato da un campione di sangue del paziente, in meno di due ore dice qual e’ l’agente infettivo e anche il suo grado di virulenza e resistenza ai farmaci.    In una prima fase di test, PAD si e’ dimostrato in grado di riconoscere – in maniera altrettanto accurata che i test tradizionali – la presenza di cinque importanti batteri: E. coli, Klebsiella, Acinetobacter, Pseudomonas, Staphilococcus aureus.

Tag

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

5 Responses to "Ideato dispositivo per diagnosi in 2 ore delle infezioni batteriche"

  1. Buongiorno,
    vorrei sapere notizie più dettagliate in merito. E’ in fase di sperimentazione o è già sul mercato. Il costruttore e a chi rivolgerci per demo. Grazie

    Distinti Saluti
    Massimo Tremolaterra
    Microbiologo

  2. Buongiorno,
    vorrei sapere su quale numero della rivista Science Advances è apparso l’articolo. Grazie

  3. Ecco

    Rapid identification of health care–associated infections with an integrated fluorescence anisotropy system
    Ki Soo Park1,2,*, Chen-Han Huang1,2,*, Kyungheon Lee1,2, Yeong-Eun Yoo3, Cesar M. Castro1,4, Ralph Weissleder1,2,5,† and Hakho Lee1,2,†
    See all authors and affiliations
    Science Advances 06 May 2016:
    Vol. 2, no. 5, e1600300
    DOI: 10.1126/sciadv.1600300

  4. buongiorno,
    anche io….in nome di tutta la microbiologia che lavora nell’ospedale di cui faccio parte, vorrei avere notizio più dettagliate in merito.

  5. Buongiorno,
    anche io quale microbiologa, avrei necessità di notizie più dettagliate in merito.
    Grazie

Lascia un commento

*