Home » Medicina » I neuroni “giocano” continuamente con il loro Dna

I neuroni “giocano” continuamente con il loro Dna

shutterstock_215448490A quanto pare ai neuroni piacciono le emozioni forti: “tagliano” il loro codice genetico per modificarlo e aggiornare le loro attività tutti i giorni, per tutto il giorno, scardinando uno dei punti fermi della biologia, secondo cui il Dna rimane stabile e immutabile una volta che le cellule hanno raggiunto la maturità. A questa conclusione sono arrivati i ricercatori guidati da Hongjun Song della John Hopkins university. ”Finora si era pensato che una volta che la cellula raggiunge la piena maturazione – spiega Song – il suo Dna rimanesse stabile. Ma con questo studio – pubblicato su Nature Neuroscience – dimostriamo che alcune cellule modificano il loro Dna tutto il tempo solo per svolgere le attività di routine”. Tale processo di modificazione chimica del Dna è chiamato demetilazione, con cui il Dna viene appunto “tagliuzzato” chirurgicamente, lasciandolo esposto a mutazioni. Per questo molte cellule lo usano con moderazione, e principalmente per correggere errori.

Il principale lavoro dei neuroni è quello di comunicare con altri neuroni attraverso le sinapsi. Ad ogni sinapsi, un neurone rilascia dei messaggeri chimici che vengono intercettati dai recettori delle proteine del neurone destinatario del messaggio. I neuroni possono regolare il volume della comunicazione aggiustando i livelli di attività dei loro geni per cambiare il numero dei loro messaggeri o recettori sulla superficie. Quando i ricercatori hanno aggiunto vari farmaci ai neuroni, prelevati dal cervello di topi, la loro attività sinaptica, cioè il volume delle loro comunicazioni, è cambiata di conseguenza. Quando aumentava, lo faceva anche l’attività del gene Tet3, che avvia la demetilazione del Dna. Quando calava, diminuiva anche quella del gene. Secondo gli studiosi si tratta di un altro meccanismo usato dai neuroni per mantenere consistente i livelli di attività sinaptica, in modo da rimanere reattivi ai segnali che li circondano. ”Se si interrompe l’attività neurale – continua Song – i neuroni aumentano il loro volume per cercare di tornare ai normali livelli e viceversa”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*