Home » Medicina » I cuccioli imparano dai grandi… anche umani

I cuccioli imparano dai grandi… anche umani

I cuccioli di cane imparano da chi è più grande di loro, indipendentemente dalla specie. Ciò vuol dire che il loro maestro di vita può non essere solo la loro mamma, ma anche l’adulto della sua famiglia umana. Non solo, i cuccioli sembrano molto attratti anche dagli estranei. A indicarlo è l’esperimento, descritto sulla rivista Scientific reports e coordinato dall’etologa italiana Claudia Fugazza, che lavora presso l’università Eotvos Lorand di Budapest.

“Ci sono due tipi di apprendimento: quello sociale, in cui si acquisiscono nuove informazioni osservando un altro soggetto, e quello individuale, usato attualmente per addestrare i cani, in cui si va per prove ed errori e si aspetta che il cane faccia da solo una cosa, dandogli poi una ricompensa”, spiega Fugazza. Già sui cani adulti si è visto che “l’apprendimento sociale funziona benissimo e più in fretta, dimezzando i tempi rispetto a quello individuale – continua – Ora abbiamo dimostrato per la prima volta che è efficace anche sui cuccioli”.

I ricercatori hanno lavorato su 48 piccoli di 8 settimane, di varie razze, dividendoli in tre gruppi. Tutti avevano di fronte una scatola con dentro del cibo, che in un caso si apriva sollevando il coperchio, e in un altro facendolo scorrere di lato.

Nel primo esperimento i cuccioli guardavano un cane adulto (la madre o uno sconosciuto) aprire la scatola.

Nel secondo osservavano un essere umano sconosciuto fare la stessa attività, mentre il terzo gruppo guardava un altro cane o un uomo mangiare accanto alla scatola senza aprirla, quindi senza la dimostrazione di come trovare il cibo.

Si è così visto che i cani imparavano dall’osservazione, che fosse di un cane o di un essere umano. E come i cani adulti, erano in grado di ricordare queste informazioni. Ma ciò che ha sorpreso i ricercatori è che i cuccioli sembravano più interessati ad imparare osservando un cane estraneo rispetto alla mamma.

“Hanno trascorso 44 secondi guardando il cane sconosciuto e 30 secondi la madre – prosegue Fugazza – Lo hanno osservato più tempo perché probabilmente più incuriositi dalla novità. L’apprendimento sociale potrebbe essere usato sui cani fin dalla più tenera età”, conclude l’esperta.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*