Home » Ambiente » Green economy: le bucce della frutta diventano bioplastica

Green economy: le bucce della frutta diventano bioplastica

Oceani di plastica e boschi carbonizzati. E’ più o meno questo lo scenario a cui rischiamo di andare incontro se tutti i Paesi del mondo non vireranno bruscamente ed in fretta verso delle scelte più green, ecologiche e sostenibili per salvaguardare “l’ecosistema mondo” che ci ospita. La cultura del cambiamento si sta certamente diffondendo e ne sono una prova i lavori dei G7, ma occorre uscire da un’ottica consumistica e di obsolescenza per approdare alla visione del riciclo e del riutilizzo.

Partendo proprio da questo concetto, molte start up si stanno adoperando per realizzare sistemi di riciclo sostenibile e che mettano insieme più aspetti differenti della stessa filiera produttiva ed il “Progetto Bioplastiche” che l’Istituto Italiano di Tecnologia (IIT) e il mercato ortofrutticolo di Genova Bolzaneto in questi giorni stanno trasformando in realtà, parte proprio questa presupposto. In breve si stratta di riutilizzare gli scarti di frutta e verdura per realizzare contenitori in bioplastica destinati alla vendita della frutta stessa.

L’idea quindi sembra proprio quella di creare un circuito circolare: creare un nuovo oggetto, da merce di scarto, da rimettere in circolo per vendere proprio ciò che ne ha permesso la realizzazione. A presentare il progetto è stato l’amministratore delegato della struttura mercatale Gianni Ratto ieri a Genova durante l’assemblea generale di Ascom Confcommercio.

“Vogliamo arrivare alla creazione di contenitori per la frutta attraverso un modello di economia circolare – spiega l’ad – la collaborazione con l’IIT potrebbe presto dare vita a una nuova start up in grado di generare nuovi posti di lavoro e attrarre investitori internazionali”. L’anteprima del progetto a febbraio 2018 sarà protagonista al ‘Fruit Logistica’ di Berlino.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*