Home » Medicina » Genitori: il 70% ha un figlio prediletto

Genitori: il 70% ha un figlio prediletto

famigliaTutti i genitori lo sanno, ma ammetterlo è difficile: il figlio prediletto c’è. A riprova di ciò che è sempre stato solo un sospetto arriva una ricerca: ben il 70% dei genitori ha un figlio preferito, che generalmente è il primo. Questo il sigillo di un gruppo di sociologi dell’Università della California, in uno studio pubblicato sul Journal of Family Psychology.

Lo studio
Secondo la ricerca, condotta su 384 famiglie e coppie di fratelli adolescenti con non più di 4 anni di differenza, il 74% delle madri e il 70% dei padri ha confessato infatti di avere un debole per un figlio in particolare. I genitori non hanno però indicato, nell’indagine, qual è il favorito, se il primo, il secondo, ecc. Lo hanno fatto i figli, e i più piccoli hanno dichiarato di sentire che spesso c’è una maggiore predilezione verso il primogenito. Cosa che ha intaccato la loro autostima, mentre il semplice fatto di essere il primo a fare qualcosa nella famiglia rende i figli maggiori sicuri e decisi.

Un risultato in contrasto con l’ipotesi di partenza dei ricercatori, che volevano dimostrare come i primogeniti si sentissero messi a dura prova dai fratelli più piccoli, più viziati e coccolati secondo l’opinione comune. Si è invece visto che il maggiore sente che i suoi risultati significano di più per i suoi genitori, che con lui per la prima volta vivono l’esperienza di un successo in un esame o in una prova sportiva.

”Sono rimasta un po’ sorpresa – commenta uno dei ricercatori – La nostra ipotesi era che il figlio più grande fosse più colpito dalla diversità di trattamento per il loro essere il maggiore della famiglia”. Il dato di fatto però è che, indipendentemente dall’ordine di nascita, ogni figlio pensa che i genitori preferiscano l’altro fratello o sorella. Ma non essere figli unici ha comunque i suoi vantaggi: avere un fratello rende più intelligenti, e da adulti si divorzia meno, come hanno rilevato altri studi.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*