Home » Medicina » Gengive: se sono sane hanno un colore rosa corallo

Gengive: se sono sane hanno un colore rosa corallo

Per capire le nostre gengive sono in salute basta guardare bene di che colore sono; semaforo verde per un rosa corallo, semaforo rosso per il rosso. A ricordare un facile check-up per capire se sia il caso di prendere appuntamento per una visita da uno specialista è la società italiana di Parodontologia e implantologia (SidP), in vista della Giornata Europea delle gengive sane che si celebra il 12 maggio.

“Se negli ultimi decenni molto si è fatto in termini di prevenzione della carie, la diffusione delle malattie gengivali è invece ancora alta. Un italiano su tre sopra i 35 anni è affetto da parodontite, ovvero soggetto al ritiro gengivale e alla perdita precoce dei denti, e 8 milioni ne soffrono in una forma grave”, spiega Mario Aimetti, presidente SidP.

Secondo una recente indagine, il 47% degli Italiani soffre o ha sofferto di sanguinamento gengivale, il 33% lamenta alitosi, il 29% recessioni gengivali, il 26% dolore alle gengive. Tutti potenziali campanelli d’allarme. Eppure, in presenza di tali sintomi, solo 6 intervistati su 10 si sono rivolti al proprio dentista.

“Per sensibilizzare i cittadini – prosegue Aimetti – la SidP è impegnata in una campagna di informazione sulla parodontite, malattia che può aggravare patologie sistemiche come il diabete e l’artrite reumatoide”. A questo scopo lo scorso anno, ha contribuito a promuovere la Giornata Europea delle Gengive Sane nelle aree colpite dal terremoto, inviando sul territorio decine di soci volontari che a bordo di odontoambulanze per eseguire centinaia di check-up sulla salute della bocca.

“Anche quest’anno – aggiunge il presidente SidP – l’evento ci vede impegnati in un’opera di divulgazione sui media e sui social con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica su un problema che presenta costi rilevanti, per altro coperti solo per il 5% dalla sanità pubblica”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*