Home » Medicina » Fertilità: come preservarla in 5 mosse

Fertilità: come preservarla in 5 mosse

gravidanzaLa fertilità maschile e femminile è un bene da preservare. Niente fumo e droghe, poco alcol e caffè, e attenzione alle malattie sessualmente trasmesse, sono alcuni dei consigli di Filippo Maria Ubaldi esperto in materia e direttore clinico dei Centri di medicina della riproduzione, (Ginegologia, endocrinologia, embriologia, riproduzione assistita) Genera, siti a Roma e a Napoli, registrati e certificati dall’Istituto superiore di sanità.

I consigli dell’esperto
No fumo e droghe, poco alcol e poco caffè. Poche sigarette o ancora meglio nessuna. Il fumo, tra le altre cose, accorcia di quattro anni l’andata in menopausa della donna. Meglio non esagerare neppure con il caffè e con l’alcol. Niente droghe.
Attenzione alle malattie sessualmente trasmesse. Nelle donne possono portare a una chiusura delle tube o a tube che funzionano male e anche negli uomini possono portare a problemi nelle vie seminali fino a una possibile chiusura.
Fare una visita appena possibile, da giovani. Per l’uomo andare dall’andrologo anche per esaminare la situazione del liquido seminale o individuare per tempo la presenza del varicocele (cioè le vene varicose del testicolo, che aumentano la temperatura del testicolo stesso e possono portare a sterilità), per la donna un’ecografia pelvica e un dosaggio dell’ormone antimulleriano (è una glicoproteina prodotta, nella donna, dalle cellule della granulosa dei follicoli dell’ovaio), per stabilire la riserva ovarica (il numero di follicoli ancora a disposizione e potenzialmente fecondabili).
Prendere consapevolezza della situazione. Se c’è un problema pensare alla preservazione della fertilità, oppure cercare una gravidanza subito.
– Cercare di fare figli prima dei 30 anni. Per l’età più giovane le chance di successo sono maggiori.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*