Home » Medicina » Estate: i consigli per difendersi dai pericoli del caldo

Estate: i consigli per difendersi dai pericoli del caldo

caldoColpi di calore, spossatezza, disidratazione e congestioni; questi i rischi in cui si incorrere nella stagione estiva e nel pieno del caldo. Ma, per godersi le vacanze al meglio, sottolineano gli esperti dell’Osservatorio Sanpellegrino, “l’alleata migliore per combattere gli effetti collaterali dell’estate è l’acqua”, compresa quella contenuta in frutta e verdura.

I consigli
“Il grande caldo – spiegano gli esperti – può portare spossatezza, senso di vertigine, e nei casi più estremi si può arrivare a perdere conoscenza e a collassi circolatori. Per questo è importante ricordarsi di bere, per contribuire a ripristinare quanto si è perso con l’aumento della sudorazione. Basta infatti un innalzamento di soli 2 gradi o condizioni
ambientali di scarsa ventilazione e tasso di umidità elevato per determinare un’importante perdita di liquidi”.

Secondo Umberto Solimene, docente all’Università Statale di Milano e membro dell’Osservatorio, è buona regole evitare gli alcolici e limitare thè e caffè, perché “agiscono come diuretici e favoriscono la disidratazione. Non bisogna esagerare poi con le bevande zuccherine, che dissetano solo in un primo momento, ma dopo pochissimi minuti fanno aumentare la sete e la voglia di zuccheri”.

Va poi prestata particolare attenzione alla temperatura dell’acqua: “Meglio non berla troppo fredda perché potrebbe provocare disturbi anche gravi come la congestione”. Importante anche mangiare ogni giorno almeno 5 porzioni di frutta e verdura fresche, “che forniscono una ricca miscela di micronutrienti e fibre. Hanno un elevato contenuto di acqua, ma anche mangiandone in abbondanza se ne assume solo fino a un litro al giorno e questo non elimina la necessità di bere”. Attenzione particolare, concludono gli esperti, ai bambini e agli anziani, “che sono più esposti ai rischi della disidratazione”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento


*