Home » Medicina » Epilessia: se la cura fosse chirurgica?

Epilessia: se la cura fosse chirurgica?

epilessiaGuarire dall’epilessia grazie ad un intervento chirurgico. A tanto sono arrivate le possibilità di cura per questa patologia che colpisce in Italia circa 500mila persone, con una percentuale di riuscita di quasi l’80%. A fare il punto sugli ultimi progressi sono gli oltre 2.000 neurochirurghi provenienti da 105 Paesi e riuniti a Roma per il XV Congresso mondiale di neurochirurgia.

”Dall’epilessia si può oggi guarire non solo con i farmaci ma anche con la chirurgia”, spiega il neurologo dell’Università La Sapienza di Roma e primario dell’Unità Operativa Complessa di Neurochirurgia dell’Irccs Neuromed-Pozzilli Vincenzo Esposito, “e in alcune forme della malattia si giunge alla guarigione del 70-80% dei pazienti operati”. Ma tante sono le innovazioni nel settore; emerge ad esempio, sottolinea il presidente del Congresso Francesco Tomasello, ”un ruolo sempre più crescente della robotica, anche se questo non significa la sostituzione del chirurgo. La robotica è infatti guidata dall’uomo”.

Presentata al Congresso anche una nuova tecnologia, nata in Israele, per il trattamento dei gliomi del cervello: ”Sono stati confermati i dati sull’efficacia di questo trattamento e non è escluso – ha annunciato – che in un futuro non molto lontano possa essere applicata anche in Italia”. Tra le iniziative presentate, quella della Federazione mondiale di neurochirurgia che ha deciso di costituire una task-force di neurochirurghi volontari che andranno ad operare e supportare colleghi in aree disagiate. La World Federation, ha affermato Tomasello, ”sta infatti lavorando molto per portare aiuto in Africa”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento


*