Endometriosi e patologie cardiache: il legame c’è

endometriosiLe giovani donne con endometriosi, potrebbero avere un rischio più alto di sviluppare patologie cardiache rispetto alle donne senza questa malattia. A scoprirlo sono stati i ricercatori del Brigham and Women’s Hospital di Boston, Usa, che hanno pubblicato uno studio sulla rivista scientifica Circulation.

Lo studio e i dati
L’endometriosi è una patologia che consiste nella crescita di tessuti tipici dell’utero al di fuori dell’utero stesso, e che tra le altre cose può provocare dolore, sanguinamenti, infiammazioni croniche e infertilità. Lo studio, spiegano gli stessi esperti, “potrebbe essere il primo a tracciare un collegamento tra le patologie coronariche e l’endometriosi”.

I ricercatori hanno studiato i dati relativi a oltre 116mila donne nell’arco di 20 anni, con o senza endometriosi, scoprendo che le pazienti con questa patologia avevano “il 35% di probabilità in più di aver bisogno di un intervento chirurgico o di inserire uno stent per liberare delle arterie bloccate; il 52% di probabilità in più di avere un attacco di cuore e il 91% di sviluppare dolore toracico e angina”. Inoltre, le donne con meno di 40 anni con endometriosi “avevano una probabilità tre volte più alta di avere un attacco di cuore, dolore toracico o di aver bisogno di uno stent rispetto a donne della stessa età ma senza endometriosi”.

I ricercatori sottolineano nello studio che il trattamento chirurgico per questa patologia (che consiste nella rimozione di utero o delle ovaie, e che provoca una menopausa anticipata) “potrebbe essere in parte responsabile di questo aumento di rischio cardiovascolare”, dato che verrebbero a mancare gli effetti protettivi degli ormoni femminili sul cuore. E’ quindi importante per le donne con endometriosi “adottare stili di vita che favoriscano la salute del cuore – concludono gli esperti – fare controlli periodici ed essere consapevoli di quali siano i sintomi, dato che le patologie cardiache sono causa primaria di morte per il sesso femminile”.

Post correlati

Lascia un commento

*