Home » Medicina » Emicrania: l’agopuntura può prevenire quella senza aura

Emicrania: l’agopuntura può prevenire quella senza aura

 

(Reuters Health) – Nelle persone con emicrania senza aura, regolari sedute di agopuntura posso aiutare a ridurre la frequenza degli attacchi. I pazienti con emicrania senza aura che hanno ricevuto cinque trattamenti di agopuntura a settimana per quattro settimane consecutive hanno avuto circa un mal di testa al mese in meno rispetto a pazienti simili che hanno ottenuto lo stesso numero di trattamenti di agopuntura fasulli, spiegano i ricercatori. “Alla luce dei nostri risultati, l’agopuntura dovrebbe essere considerata come un’opzione per la profilassi dell’emicrania”, scrivono gli autori del lavoro su ‘JAMA Internal Medicine’. Lo studio è stato condotto in Cina.

Lo studio
Ling Zhao e colleghi, della Chengdu University of Traditional Medicine di Sichuan, hanno reclutato in tre centri clinici cinesi 249 adulti che soffrivano da due a otto attacchi di emicrania senza aura al mese. Per lo studio, i partecipanti hanno tenuto traccia della frequenza e della gravità della loro emicrania per quattro settimane prima di essere assegnati in modo casuale a ricevere il vero trattamento di agopuntura, il placebo, o essere messi in lista di attesa per il trattamento. Nei primi due gruppi ciascuno ha ricevuto 20 trattamenti di agopuntura e di stimolazione elettrica, ciascuno della durata di 30 minuti.
Il gruppo di agopuntura è stato trattato in quattro punti pensati per contrastare il mal di testa e con una stimolazione elettrica sufficiente a suscitare una sensazione di Deqi, che comprende “dolore, intorpidimento o gonfiore che indicava l’efficacia della terapia”, secondo quanto hanno riferito gli autori. A 16 settimane, il numero di emicranie riportate nel vero gruppo agopuntura è sceso a circa tre attacchi al mese, mentre le persone nel gruppo placebo hanno registrato due attacchi in meno al mese. Tra i limiti dello studio, il fatto che circa il 20% dei partecipanti aveva avuto esperienze precedenti con l’agopuntura, e non si sa quanti potrebbero essere stati in grado di capire se i loro trattamenti erano reali o falsi. “La risposta del placebo è forte negli studi di trattamento dell’emicrania ed è possibile che la sensazione Deqi che è stata suscitata nel vero gruppo di agopuntura abbia portato a un maggiore livello di risposta rispetto al placebo perché non c’era stato alcun tentativo per suscitare la sensazione Deqi nel gruppo agopuntura simulata”, scrive Amy Gelfand, neurologa della University of California, in un editoriale di accompagnamento.

Fonte: JAMA Intern Med 2017

Shereen Lehman

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

 

 

 

 

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*