Home » Medicina » Emicrania: dagli USA nuova cura efficace sui ragazzi

Emicrania: dagli USA nuova cura efficace sui ragazzi

L’emicrania non risparmia proprio nessuno, inclusi bambini e ragazzi. Secondo alcune stime, infatti, ne è colpito il 12% di coloro che hanno 12 anni o più, con la conseguenza che in alcuni casi il dolore può essere talmente forte da portare a interrompere le normali attività giornaliere. Potrebbe arrivare però da oltre Oceano un dispositivo in grado di alleviare il dolore in modo rapido ed efficace.

Lo studio
Secondo una ricerca presentata al Society of Interventional Radiology’s 2017 Annual Scientific Meeting, questo metodo già in uso per gli adulti potrebbe portare beneficio anche per bambini e adolescenti. Il trattamento (blocco del ganglio sfenopalatino) prevede l’inserimento di un catetere, sottile come uno spaghetto, nelle narici tramite il quale viene somministrato un anestetico, generalmente la lidocaina, diretto al ganglio sfenopalatino, un fascio nervoso che si pensa essere associato all’emicrania, che si trova nella parte posteriore del naso.

“Questo trattamento, eseguito in ambulatorio, può alleviare in modo sicuro l’emicrania di un bambino rapidamente – ha detto Robin Kaye, dell’ospedale pediatrico di Phoenix, co-autore dello studio – riduce la necessità di farmaci che possono portare effetti collaterali gravi o terapie endovenose per le quali ci può essere bisogno di un ricovero”. Kaye e il suo team hanno effettuato 310 trattamenti in 200 pazienti tra 7 e 18 anni.

I livelli di dolore sono stati registrati su una scala da 1 a 10. Dieci minuti dopo il trattamento, i ragazzi sono stati invitati a confrontare il loro livello di dolore, utilizzando la stessa scala. I ricercatori hanno visto una diminuzione statisticamente significativa nei punteggi relativi al mal di testa, con la riduzione media del dolore di poco più di 2 punti. “Anche se non è una cura per l’emicrania, questo trattamento ha il potenziale per migliorare la qualità di vita”, conclude Kaye.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*