Home » Medicina » Donne obese e pillola: rischio trombosi venosa cerebrale

Donne obese e pillola: rischio trombosi venosa cerebrale

donna obesa(Reuters Health) – Un team di ricerca olandese ha condotto uno studio per valutare se l’obesità possa essere considerata come fattore di rischio per trombosi venosa cerebrale nell’adulto. Lo studio ha coinvolto due coorti potenziali (186 casi e 6.134 controlli) di persone provenienti dall’Academic Medical Center di Amsterdam e dal Inselspital University Hospital di Berna, in Svizzera. Complessivamente, i ricercatori olandesi – guidati da Jonathan M. Coutinho, del Academic Medical Center di Amsterdam – hanno evidenziato che il rischio di trombosi venosa cerebrale (CVT) era aumentato di 2.63 volte nei pazienti con obesità (BMI di almeno 30)  a fronte di pazienti con un BMI normale, ma nei pazienti in sovrappeso (BMI 25,0-29,99) non è risultato associato in  generale con questa patologia.

“I medici dovrebbero considerare una soglia inferiore per sospettare la CVT in una donna obesa che usa contraccettivi orali, se si presenta con sintomi come forte mal di testa, deficit neurologici focali, o convulsioni,” ha detto Jonathan M. Coutinho, del Academic Medical Center di Amsterdam. In studi precedenti si è visto che il rischio di tromboembolia venosa (TEV) è raddoppiato o triplicato negli adulti obesi, ma l’associazione di obesità e CVT , non era mai stata considerata.

I risultati dello studio
Più precisamente, ogni aumento di 1 unità del valore del BMI è stato associato ad un aumento del rischio del 9% di CVT. Inoltre, nelle analisi dei sottogruppi, l’obesità non è risultata significativamente associata con il rischio di CVT negli uomini. Tra le donne, invece, il sovrappeso e l’obesità sono stati associati con CVT, ma in ulteriori analisi, l’aumento del rischio di CVT è stato limitato alle donne che hanno preso contraccettivi orali: un aumento del rischio 11.87 volte di CVT era associato con sovrappeso e un aumento del rischio di CVT di 29.26 volte, era associato con l’obesità.

“Per me l’osservazione più sorprendente è stata la forza dell’associazione tra obesità e CVT, e il fatto che questo aumento del rischio è stato completamente attribuibile al gruppo di donne che hanno usato contraccettivi orali”, ha detto Coutinho. “Mi sarei aspettato una associazione anche negli uomini o nelle donne che non hanno usato contraccettivi orali”. “Sia l’obesità che l’uso di contraccettivi orali possono portare ad una maggiore attivazione della resistenza alla proteina C, che comporta maggiori concentrazioni del fattore VIII, che a sua volta può causare trombosi,” ha spiegato il clinico olandese. “Questo meccanismo può spiegare la sinergia tra l’obesità e i contraccettivi orali sul rischio di CVT”. “Credo che le donne obese che desiderano iniziare a utilizzare i contraccettivi orali dovrebbero ricevere informazioni e consigli medici per quanto riguarda l’aumento del rischio di una trombosi venosa cerebrale”, ha concluso Coutinho. “Dato il basso rischio assoluto di CVT, non credo che si dovrebbe sempre sconsigliare l’uso di contraccettivi orali, ma le pazienti devono essere informati dei rischi e vanno offerte loro forme alternative di contraccezione”.

Fonte: JAMA Neurol 2016

Will Boggs MD

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

 

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*