Home » Medicina » Disturbo bipolare: la diagnosi può arrivare anche 6 anni dopo

Disturbo bipolare: la diagnosi può arrivare anche 6 anni dopo

depressionePossono passare anche sei anni tra la comparsa dei primi sintomi di un disturbo bipolare e la diagnosi con conseguente trattamento. A denunciarlo sono i risultati di uno studio australiano e italiano, della University of New South Wales, condotto in collaborazione con Giovanni De Girolamo dell’IRCSS-Centro San Giovanni di Dio Fatebefratelli di Brescia e l’Università di Bari.

La ricerca è una meta-analisi di 9.415 pazienti da 27 studi, pubblicata su Canadian Journal of Psychiatry. Secondo il professor Matthew Large, autore principale dello studio, il ritardo è spesso più lungo per i giovani, perché gli sbalzi d’umore sono a volte scambiati per alti e bassi degli anni adolescenziali piuttosto che per l’emergere di un disturbo bipolare. “Si tratta di un’occasione persa, perché la gravità e la frequenza degli episodi possono essere ridotti con i farmaci e altri interventi”, spiega Large.

“La diagnosi di disturbo bipolare – evidenzia Large – può anche essere mancata dal medico perché si basa su una storia dettagliata della vita e informazioni raccolte da accompagnatori e familiari, che per essere messe insieme richiedono tempo e cura. I medici – conclude – dovrebbero guardare più da vicino la storia del paziente , alla ricerca di cambiamenti distinti e di altri fattori di rischio come la storia familiare e sbalzi d’umore causati da eventi esterni come il trattamento con antidepressivi , i viaggi e l’assunzione di stupefacenti”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*