Home » Medicina » Diabete: se compare in gravidanza può creare problemi al fegato dopo 25 anni

Diabete: se compare in gravidanza può creare problemi al fegato dopo 25 anni

diabete gestazionale(Reuters Health) – Le donne che sviluppano diabete in gravidanza potrebbero avere un rischio più elevato di sviluppare anche un accumulo di grasso nei loro fegati quando raggiungono la mezza età, secondo uno studio pubblicato sull”American Journal of Gastroenterology’.
I ricercatori sostengono che il fattore di rischio comune per il diabete gestazionale e la steatosi epatica non alcolica è la difficoltà a produrre o a usare l’ormone insulina per gestire lo zucchero nel sangue, fenomeno conosciuto come insulinoresistenza. “Speriamo che l’identificazione precoce possa promuovere cambiamenti salutari nello stile di vita che prevengono o rallentano la progressione della malattia – spiega Veeral Ajmera della University of California di San Francisco, primo autore dello studio – La gravidanza affatica il corpo in molti modi, uno di questi è la capacità di gestire i livelli di glucosio nel sangue. Durante la gravidanza il corpo della donna diventa più resistente all’insulina, che è l’ormone necessario per far diminuire lo zucchero”.

L’insulinoresistenza è anche “centrale per sviluppare la steatosi epatica non alcolica”, che interessa dal 20 al 30% degli adulti nel mondo occidentale, ricorda il team. La steatosi epatica non alcolica è la malattia cronica del fegato più diffusa negli Stati Uniti.
La malattia è spesso diagnosticata in età abbastanza avanzata, spiega Ajmera alla Reuters Health. I ricercatori hanno quindi usato dati a lungo termine per vedere se il diabete gestazionale rende più probabile lo sviluppo della steatosi epatica non alcolica 25 anni dopo.

Lo studio
I ricercatori hanno analizzato le informazioni di 1.115 donne nere e bianche che avessero partorito almeno un bimbo. Le partecipanti allo studio sono state reclutate tra il 1985 e il 1986 in quattro città statunitensi e non soffrivano di diabete prima di affrontare la gravidanza. Il lavoro ha escluso le persone con problemi di fegato legati a alcol, Hiv, epatite o farmaci.
All’inizio della ricerca, le donne hanno fornito un resoconto se avevano sofferto di diabete per la prima volta durante la gravidanza e i ricercatori hanno confermato la diagnosi con un test del sangue. Venticinque anni dopo, le donne hanno ottenuto più analisi del sangue, così come una tomografia computerizzata del fegato per verificare se avessero la steatosi epatica non alcolica.
All’inizio dello studio, 124 donne avevano riportato di aver sviluppato diabete gestazionale. Queste donne erano anche più a rischio delle altre di essere sovrappeso. Avevano livelli più elevati di insulinoresistenza, da giovani e nel follow-up 25 anni dopo. Le donne che hanno sperimentato il diabete durante la gravidanza avevano anche una probabilità maggiore di sviluppare di nuovo il diabete a un certo punto nei successivi 25 anni. Complessivamente, 75 donne hanno ricevuto diagnosi di steatosi epatica non alcolica mentre erano nella mezza età. Le donne che avevano avuto il diabete in gravidanza avevano più del doppio delle probabilità di sviluppare la steatosi epatica non alcolica anni dopo. Dopo che i ricercatori hanno corretto le informazioni in base a casi di diabete sperimentati da alcune donne al di fuori della gravidanza, il rischio di steatosi epatica non alcolica era ancora del 50% più alto per le donne che avevano avuto diabete gestazionale rispetto a chi non lo aveva avuto.
La steatosi epatica non alcolica può provocare pesanti effetti sulla salute e può persino condurre alla cirrosi, una condizione che causa un danno al fegato e insufficienza epatica, spiega Simon Taylor-Robinson, professore di medicina all’Imperial College di Londra che non è stato coinvolto nello studio. L’esperto raccomanda cambiamenti nella dieta per evitare l’insulinoresistenza che conduce al diabete e alla steatosi epatica non alcolica.

Fonte: American Journal of Gastroenterology online

Madeline Kennedy

(Versione italiana Quotidian Sanità/Popular Science)

 

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento


*