Home » Medicina » Diabete: per adolescenti fuori forma rischio triplicato di averlo da grandi

Diabete: per adolescenti fuori forma rischio triplicato di averlo da grandi

giovane diabetico(Reuters Health) – Uno studio retrospettivo sui giovani svedesi di leva tra il 1969 e il 1997 ha evidenziato che chi alla visita militare si era presentato fuori forma ha sviluppato il diabete in misura tre volte superiore agli altri coetanei. “Non solo sono la scarsa capacità aerobica e la scarsa forza muscolare erano legate con un più alto rischio di diabete a lungo termine, ma lo stesso si verificava anche tra i giovani con un normale indice di massa corporea”, ha ribadito l’autore dello studio Casey Crump della Icahn School of Medicine Mount Sinai (New York City). Ha poi sottolineato che questi fattori di rischio hanno avuto un effetto sinergico. In altre parole, la combinazione di bassa capacità aerobica e bassa forza muscolare ha aumentato il rischio di diabete, più della somma dei due rischi individuali.

Lo studio
In questo studio i ricercatori hanno utilizzato i dati relativi a un milione di militari di 18 anni di leva in Svezia, tra il 1969 e il 1997, senza una storia di diabete. I ricercatori hanno seguito questi giovani fino al 2012, identificando l’insorgenza di nuovi casi di diabete 2 per mezzo dei registri nazionali ospedalieri e ambulatoriali. Si è così evidenziato che circa 34.000 uomini (2%), hanno ricevuto una diagnosi di diabete durante il follow-up, che per la maggior parte, era protratto fino al raggiungimento della mezza età. Una metà dei partecipanti allo studio ha ricevuto una diagnosi di diabete dopo i 46 anni. In particolare, coloro che erano meno in forma all’età di 18 anni, avevano il triplo di probabilità di ricevere una diagnosi di diabete, rispetto a quelli con migliori misure della capacità e della forza muscolare aerobica, anche se avevano un indice di massa corporea sano.

I commenti
“Questo studio ha dimostrato che i parametri di misurazione del fitness sono stati importanti per la previsione del diabete in futuro, qualsiasi fosse il loro peso”, ha detto Peter T. Katzmarzyk del Pennington Biomedical Research Center di Baton Rouge, Louisiana, che ha scritto un editoriale sullo studio . Ma “ogni studio utilizza una diversa definizione di ‘fitness’ e non è davvero possibile trovare un unico numero che possa definire il livello della forma fisica, soprattutto se si considerano le note differenze causate dall’età e dal sesso”, ha detto. Crump ha anche aggiunto che il livello di attività fisica e la genetica sono i principali determinanti della forma fisica, ma il livello di attività è il più importante fattore modificabile. “Saranno necessari ulteriori studi che misurino la forma fisica, la dieta abituale e il BMI in altri momenti nel corso della vita per esaminare le finestre di età più suscettibili a questi fattori, in relazione al diabete,” ha proseguito. Inoltre bisognerebbe includere negli studi le donne e le popolazioni diverse. “I giovani dovrebbero mantenere una regolare attività fisica sia aerobica che  muscolare evitando ciò che ostacola il tempo dedicato all’attività, come per esempio il tempo trascorso guardando la TV”, ha detto Crump. Ha poi aggiunto che le attuali linee guida raccomandano 60 minuti di esercizio fisico al giorno, la maggior parte dei quali dovrebbe essere dedicata all’attività aerobica, ma si dovrebbero anche includere delle attività di potenziamento muscolare, almeno tre giorni a settimana: tuttavia solo circa la metà dei bambini e degli adolescenti degli Stati Uniti, rispettano queste linee guida.

Fonte: Ann Intern Med 2016.

Kathryn Doyle

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

 

 

 

 

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento


*