Home » Medicina » Depressione: per chi sopravvive a ictus rischio otto volte maggiore

Depressione: per chi sopravvive a ictus rischio otto volte maggiore

depressione(Reuters Health) –  Le probabilità che una persona sopravvissuta a un ictus ha di essere colpiti da depressione sono otto volte maggior rispetto a quelle della popolazione normale. Questo dato emerge da uno studio danese pubblicato da JAMA Psychiatry. I ricercatori hanno analizzato i dati relativi a un ampio gruppo di pazienti colpiti da ictus, comparandoli a quelli di persone che non avevano avuto questo evento cerebro-vascolare. Nei due anni successivi a un ictus, il 25% dei pazienti ha ricevuto diagnosi di depressione, con più della metà dei casi verificatisi nei primi tre mesi, mentre a poco meno dell’8% dei soggetti non affetti da questa condizione è stata fatta una diagnosi simile nell’arco della durata dello studio e meno di un quarto di questi casi sono stati riscontrati nei primi tre mesi di osservazione.”La frequenza di depressione nei pazienti colpiti da ictus è risultata più elevata anche comparando questi soggetti a soggetti protagonisti di altri eventi vascolari acuti, come un attacco cardiaco”, ha dichiarato l’autore principale dello studio, Merete Osler, dell’Università di Copenhagen.

Lo studio
Per capire come l’ictus possa influenzare il rischio di depressione, i ricercatori hanno esaminato i dati provenienti da sette registri danesi su 157.243 persone con un’età minima di 15 anni, ricoverati per la prima volta per ictus dal 2001 al 2011, e 160.236 soggetti simili che non hanno avuto questo problema. “Nel complesso, più di 34.000 sopravvissuti a ictus e oltre 11.000 persone non colpite hanno ricevuto diagnosi di depressione durante due anni di follow-up”, osservano i ricercatori su JAMA Psychiatry. Essi hanno anche esaminato come la depressione abbia influenzato la sopravvivenza. Per i soggetti senza ictus, la depressione risultava associata a quasi il triplo delle probabilità di decesso per qualsiasi causa durante il periodo di studio. Per i sopravvissuti, la depressione era legata all’89% in più delle possibilità di decesso. Lo studio ha riscontrato che il rischio amplificato di decesso era più strettamente correlato a insorgenza recente di depressione.

I commenti
“Un limite della ricerca è il fatto che la diagnosi di depressione è stata spesso riscontrata in pazienti che evadevano prescrizioni per antidepressivi”, osservano gli autori. “Ciò potrebbe non riflettere tutti i casi o mettere in evidenza la reale gravità della condizione”. “I risultati suggeriscono che medici, pazienti e famiglie devono essere vigili sulla comparsa di depressione e altri disturbi dell’umore dopo un ictus”, ha affermato in un editoriale Craig Anderson, direttore esecutivo presso il George Institute for Global Health dell’Università di Sydney.”Sappiamo che è molto comune – un sopravvissuto su tre soffre di una qualche forma di depressione – e che ciò influisce negativamente sulla ripresa e aumenta il rischio di ictus ricorrente, di altri gravi eventi cardiovascolari e decesso”, ha detto Anderson. “Sappiamo che è difficile da diagnosticare perché i pazienti hanno problemi con la parola e la memoria, oltre che una disabilità fisica, e non si conosce con certezza come gestire al meglio la condizione”.

Fonte: JAMA Psychiatry

 Lisa Rapaport

(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*