Depressione: la psicoterapia può prevenire il rischio di recidiva anche se si riducono i farmaci

(Reuters Health) – Alcuni ricercatori olandesi sostengono che interventi psicologici come la terapia cognitiva preventiva (PCT) o la terapia cognitiva basata sulla mindfulness (MBCT) possono essere offerti quando un paziente viene sottoposto a una riduzione dei farmaci antidepressivi e potrebbero rappresentare un’alternativa all’uso di antidepressivi a lungo termine.

“Molti pazienti desiderano interrompere gli antidepressivi e sono interessati a esplorare alternative”, dice Claudi Bockting dell’Amsterdam University Medical Center in Olanda, prima autrice dello studio, “Tuttavia, si trovano di fronte a un dilemma, poiché interrompere gli antidepressivi potrebbe comportare un ritorno della depressione”.

Bockting e colleghi hanno effettuato ricerche in letteratura fino a gennaio 2021 e hanno preso i dati dei singoli partecipanti a studi clinici randomizzati (RCT) che hanno confrontato l’uso di un intervento psicologico durante e/o dopo la riduzione degli antidepressivi versus il solo uso di antidepressivi sul rischio di recidiva della depressione. Sono stati inclusi quattro RCT con i dati di 714 partecipanti (età media, 49,2; 73,1% di sesso femminile).

Una metanalisi non ha rilevato differenze significative nel tempo per la recidiva della depressione tra l’uso di terapia cognitiva preventiva o terapia cognitiva basata sulla mindfulness durante la riduzione degli antidepressivi versus terapia antidepressiva da sola (hazard ratio, 0,86).
I fattori associati a un maggior rischio generale di recidiva erano età più giovane al momento dell’insorgenza (HR, 0,98), durata più breve della remissione (HR, 0,99) e livelli più elevati di sintomi depressivi residui al basale (HR, 1,07).

Nessuno dei fattori di moderazione inclusi (ad es., numero di precedenti episodi depressivi, disturbo psichiatrico comorbido, stato sentimentale) era associato al rischio di recidiva.
“Le attuali linee guida raccomandano l’uso continuo dei farmaci antidepressivi per i pazienti ad alto rischio di recidiva della depressione (cioè, con molteplici episodi pregressi e sintomi depressivi residui). I risultati di questa metanalisi sui dati dei singoli partecipanti indicano che l’uso continuo di un antidepressivo potrebbe non essere necessario, anche per i pazienti ad alto rischio”, dichiarano gli autori. Tuttavia, aggiungono che “i risultati devono essere interpretati con cautela poiché la recidiva depressiva potrebbe essere scambiata per la sindrome da astinenza nelle condizioni di riduzione dei farmaci mentre un paziente riceve interventi psicologici, sottostimando quindi la capacità di tali interventi di prevenire una recidiva depressiva”.

Fonte: JAMA Psychiatry
Marilynn Larkin
(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Post correlati

Lascia un commento

*