Home » Ambiente » Dagli scarti dell’olio d’oliva innovazioni green per farmaci e alimenti

Dagli scarti dell’olio d’oliva innovazioni green per farmaci e alimenti

L’olio di oliva si conferma una eccellenza italiana ma in questo caso l’attenzione è puntata sulle parti di scarto. E’ infatti da qui che potrebbero arrivare importanti novità per l’industria alimentare e per quella farmaceutica. A rivelarlo sono i risultati intermedi della ricerca di sei Università italiane, capofila l’Ateneo di Bari, con il progetto “Sos” (Sustainability of the Olive-oil System), finanziato da dieci fondazioni bancarie (Ager) con 7 milioni nel triennio 2018-2021.

Sono i materiali di scarto della produzione di olio a risultare interessanti, tra i sei assi della ricerca: per la farmaceutica – si legge in una nota diffusa dal progetto – è emerso “l’uso degli estratti di foglie di olivo per bloccare l’azione genotossica del cadmio”; poi, “sono stati ottenuti estratti utili per combattere patologie associate a infiammazioni e stress ossidativo”.

Per l’alimentare, gli stessi estratti sono “ottimi per aumentare la conservabilità (la shelf-life) di taralli” e altri prodotti come “il paté di olive o le olive da tavola fermentate in salamoia. Insomma, bye bye ai conservanti chimici e spazio a quelli naturali” dalle foglie d’olivo. Nuove soluzioni sono in arrivo anche per il packaging e l’uso dei sottoprodotti, “con un approccio sempre più sostenibile nella produzione e nella trasformazione”.

Per l’Ateneo di Bari è al lavoro il Dipartimento di Scienze del Suolo, della Pianta e degli Alimenti (coordinatore Francesco Caponio) e partecipano Università di Milano (Dipartimento di Scienze Alimentari, Ambientali e Nutrizionali), Parma (Dipartimento di Scienze Alimentari), Sassari (Dipartimento di Agraria), Teramo (Facoltà di Bioscienze e Tecnologie Agro-Alimentari e Ambientali) e Università Mediterranea di Reggio Calabria (Dipartimento di Agraria).

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*