Home » Medicina » Da narcisista a pettegolo: i 5 identikit del collega

Da narcisista a pettegolo: i 5 identikit del collega

personalitàTutti noi abbiamo una diversa personalità, ma sul posto di lavoro sono cinque i tipi  più frequenti. Dal narcisista allo ‘scatenatore’ di sensi di colpa, fino al pettegolo passando per il passivo-aggressivo. E tu a quale categoria appartieni?

A identificarli, sul Daily Mail, Judith Orloff, psichiatra dell’Ucla, l’Università della California, autrice di The Ecstasy of Surrender: 12 Surprising Ways Letting Go Can Empower Your Life. Ecco le diverse personalità e come reagire.

Il narcisista: con un senso esagerato della propria importanza, brama attenzione e richiede di essere lodato. Bisogna evitare di cadere nella ‘trappola’ del voler sempre
farlo contento.

L’arrabbiato: gestisce il conflitto “attaccando, accusando, umiliando o criticando. Può infliggere danni emotivi usurando la nostra autostima e si rifiuta di essere ritenuto responsabile per le proprie azioni”, spiega Orloff. Meglio respirare e contare fino a 10 quando dobbiamo rispondergli, potrebbe farci dire cose di cui pentirci.

Il passivo-aggressivo: parente stretto dell’arrabbiato, ma “esprime la rabbia con un sorriso o esagerata preoccupazione, mantenendo sempre la calma pur se a denti stretti”. Facile mettersi in discussione con lui, ma meglio decidere “ascoltando la propria pancia”.

Lo scatenatore di sensi di colpa: si presenterà come ‘il martire dell’ufficio’. Saprà come scatenare i nostri sensi di colpa in modo da manipolarci e farci fare ciò che vuole. Nell’interagire, meglio “abbandonare l’idea di essere perfetti. Tutti commettiamo errori – rileva Orloff – se ci rimprovererà si può chiedere scusa o prendere la responsabilità per farlo tacere”.

Il pettegolo: ci attira facendo finta di farci delle confidenze, facendoci così sentire speciali. Soprattutto se il ‘gossip’ in ufficio ci coinvolge direttamente il consiglio è non curarsene troppo, anche perché “non potremmo mai silenziare le voci di corridoio”.

Tag

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*