Home » Medicina » Cuore: stress e depressione accorciano la vita

Cuore: stress e depressione accorciano la vita

(Reuters Health) – La depressione cronica e l’ansia espongono chi ha una patologia coronarica a un maggior rischio di morte prematura. La conferma dell’effetto negativo dei disturbi dell’umore sulla patologia cardiaca arriva da uno studio condotto in Nuova Zelanda e pubblicato da Heart. Circa il 4% dei 950 partecipanti con malattia delle arterie coronarie stabile hanno riferito di aver sofferto regolarmente di stress psicologico – di grado da moderato a severo – nei primi quattro anni dello studio. Inoltre, rispetto ai soggetti non sttressati, presentavano circa il quadruplo delle probabilità di morire per cause cardiache e quasi il triplo per qualsiasi causa nei successivi 12 mesi di osservazione. “Tuttavia, i pazienti che hanno riferito di aver sofferto di uno stress soltanto sporadico o leggero non sono apparsi a maggior rischio di morte prematura. Ciò indica che nel lungo termine è il livello di stress che conta”, dice l’autore principale dello studio, Ralph Stewart, cardiologo presso l’Auckland City Hospital e la University of Auckland. “Ancora non sappiamo se i trattamenti per ansia e stress riducano la mortalità, ma disponiamo di sufficienti evidenze per raccomandare alle persone di cercare il modo di ridurre gli alti livelli di stress persistente”, ha aggiunto il clinico neozelandese.

Lo studio
Tutti i partecipanti erano stati colpiti da un attacco cardiaco o ricoverati per angina instabile nei precedenti 3-36 mesi. I soggetti hanno completato un questionario psicologico quando sono entrati a far parte dello studio e lo hanno ripetuto dopo sei mesi, un anno, due anni e quattro anni. Le domande per valutare depressione e ansia hanno riguardato, tra le altre cose, la percezione o meno da parte dei partecipanti di essere costantemente sotto tensione, di trovare la vita una battaglia continua, di provare paura o panico senza un motivo apparente o di essere stati utili in qualcosa. Nel complesso, 587 persone, il 62%, non sono risultate stressate in nessuna valutazione psicologica. Altre 255, il 27%, hanno riferito almeno un leggero stress in due o più valutazioni e 35, il 4%, hanno dichiarato di soffrire regolarmente di stress psicologico da moderato a grave. I ricercatori hanno seguito metà dei partecipanti per almeno 12 anni. Durante questo periodo di monitoraggio, 398 soggetti sono morti per tutte le cause e 199 per malattia cardiovascolare.

I commenti
Gli autori avvertono che non si è trattato di un esperimento controllato per dimostrare che depressione o ansia siano le cause della morte prematura di pazienti cardiopatici. Un’altra limitazione dello studio è stata la mancata prosecuzione delle valutazioni psicologiche dopo quattro anni, quindi è possibile che i risultati sottostimino l’impatto dello stress persistente- Secondo Gjin Ndrepepa, ricercatore presso il German Heart Center Munich dell’Università di Monaco autore dell’editoriale che ha accompagnato la pubblicazione dello studio, “la valutazione psicologica usata nello studio non è efficace nell’individuare con precisione l’esatta natura dello stress, ma sappiamo che lo stress mentale può attivare il sistema nervoso simpatico e aumentare i livelli degli ormoni a esso correlato . Ciò potrebbe contribuire a ipertensione, ipercolesterolemia o diabete e incoraggiare comportamenti non sani come fumare, bere o essere inattivi. Queste reazioni avverse interne ed esterne legate allo stress aggravano la progressione della malattia e predispongono le persone a esiti infausti”.

Fonte: Heart 2017

Lisa Rapaport

(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

 

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*