Home » Medicina » Cuore: l’arsenico presente nell’acqua ispessisce il ventricolo sinistro

Cuore: l’arsenico presente nell’acqua ispessisce il ventricolo sinistro

(Reuters Health) – Anche moderate quantità di arsenico presenti nell’acqua potabile possono condurre a un pericoloso ispessimento delle pareti della camera principale del cuore.È questo il risultato dello studio condotto in USA e pubblicato da Circulation.

I ricercatori, che hanno analizzato i livelli di arsenico in oltre 1.000 adulti al di sotto dei 50 anni, hanno riscontrato che il rischio di ispessimento del cuore nei successivi cinque anni era significativamente più elevato in chi era maggiormente esposto alla tossina.

“È importante che le persone sappiano che l’arsenico può essere un fattore di rischio per le malattie cardiovascolari”, dice l’autore principale dello studio, Gernot Pichler, specialista in medicina interna presso il reparto di cardiologia dell’ Hospital Hietzing/Heart Center Clinic Floridsdorf di Vienna. “Vanno considerate le possibili fonti di esposizione, soprattutto per le persone che bevono l’acqua di pozzi privati. Attualmente i pozzi privati non sono regolamentati e le persone che li usano, tra cui bambini e giovani, non sono protetti. Testar le acque di questi pozzi è un importante primo passo per agire e prevenire l’esposizione all’arsenico”.

Lo studio
Per indagare più da vicino l’impatto dell’arsenico sul cuore, Picheler e colleghi hanno utilizzato i dati dello Strong Heart Family Study, uno studio a lungo termine sui fattori di rischio cardiovascolare nei Nativi americani.

Il nuovo rapporto ha incluso 1.337 adulti in Arizona, Oklahoma, North Dakota e South Dakota, la cui età media era appena al di sotto dei 31 anni quando sono stati misurati i livelli di arsenico. All’inizio, nessuno dei partecipanti allo studio presentava diabete o cardiopatia.

I ricercatori hanno valutato la forma, le dimensioni e la funzionalità del cuore dei partecipanti usando l’ecocardiografia.

L’esposizione all’arsenico è stata valutata nei campioni di urina. Nel complesso, è stato rilevato che l’esposizione nei partecipanti era più elevata rispetto alla popolazione statunitense generale.

Dopo aver seguito i partecipanti per circa sette anni, gli studiosi hanno scoperto che i soggetti con livelli più elevati di arsenico presentavano maggiori probabilità di avere ispessimento del ventricolo sinistro. Infatti, un livello due volte maggiore di arsenico si associava a un rischio aumentato del 47% di ispessimento del ventricolo sinistro, o ipertrofia.

Nei partecipanti ipertsi– con una pressione superiore a 120/80 – o in quelli che assumevano antipertensivi, l’impatto dell’arsenico si è mostrato più forte: in questo gruppo, i livelli più elevati della tossina erano correlati al 58% in più delle probabilità di sviluppare ipertrofia ventricolare sinistra.

Pichler ipotizza che gli individui ipertesi possano essere più suscettibili agli effetti deleteri dell’arsenico.

Fonte: Circulation: Cardiovascular Imaging
Linda Carroll
(Versione Italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*