Home » Medicina » Cuore: alti livelli di ormoni maschili legati a rischio aumentato

Cuore: alti livelli di ormoni maschili legati a rischio aumentato

Lo sviluppo di problemi cardiaci negli uomini potrebbe essere legato ad alti livelli di testosterone. A rivelarlo è uno studio pubblicato sul British Medical Journal (BMJ), da un gruppo di ricerca internazionale, guidato da ricercatori della City University di Londra e dell’Università di Hong Kong.

Lo studio
Precedenti ricerche avevano suggerito un’associazione con malattie cardiache e ictus con il testosterone, ma non era chiaro se vi fosse un legame di causa-effetto nello sviluppo di queste patologie. Per approfondire questo legame, il gruppo di ricerca si è proposto di valutare l’effetto del testosterone endogeno, ovvero quello naturalmente presente nell’organismo e dovuto a una predisposizione genetica, sugli eventi cardiovascolari.

Hanno analizzato le varianti genetiche che predicono i livelli di testosterone in quasi 400.000 uomini e donne tra i 40 e i 75 anni. Si è così osservato che negli uomini il testosterone endogeno era associato a un più alto rischio di coaguli di sangue (tromboembolia), insufficienza cardiaca e infarto del miocardio. Ma l’associazione non era rilevante nelle donne, in cui questo ormone è presente anche a livelli più bassi.

I risultati, spiegano i ricercatori, possono avere implicazioni per chi assume integratori di testosterone per aumentare energia e desiderio sessuale. Il prossimo obiettivo è valutare se trattamenti che abbassano i livelli di questo ormone nel sangue possano anche proteggere contro le patologie cardiovascolari.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*