Home » Archeologia » Cuccioli di dinosauro sepolti con la babysitter

Cuccioli di dinosauro sepolti con la babysitter

f61875e2ab17b89cdaacb0cba07ec298

Un’intera cucciolata di 24 dinosauri sepolta insieme alla giovane ‘babysitter’ sotto una colata di fango e detriti durante un’eruzione vulcanica avvenuta 120 milioni di anni fa. Sembra essere questo il tragico quadro immortalato da un fossile ritrovato in Cina da un gruppo di paleontologi amatoriali, oggi descritto e analizzato per la prima volta sulla rivista Cretaceous Research da un gruppo di ricercatori dell’università della Pennsylvania.

Sono tutti Psittacosaurus lujiatunensis
I 25 esemplari intrappolati nella roccia appartengono tutti alla specie Psittacosaurus lujiatunensis: si tratta di un dinosauro erbivoro molto diffuso in Asia, di cui ci sono rimasti numerosi reperti fossili. I 24 animali più giovani sembrano avere la stessa età: inizialmente i paleontologi li avevano catalogati come embrioni, ma poi l’assenza di frammenti di guscio e le estremità delle ossa ben sviluppate hanno portato a pensare che si trattasse di cuccioli già capaci di muoversi con le proprie zampe. Insieme a loro è presente un esemplare poco più grande, di età compresa fra i 4 e i 5 anni: i paleontologi ipotizzano che si possa trattare di una giovane ‘babysitter’ preistorica, o forse di una sorella maggiore impegnata nel sorvegliare i fratelli appena nati durante l’assenza dei genitori.

Uccisi da una eruzione vulcanica
Le spine dorsali dei dinosauri sono tutte rivolte nella stessa direzione, e questo indica che potrebbero essere stati travolti da un flusso. Analizzando la roccia ai raggi X, i ricercatori hanno scoperto che è formata da materiale di origine vulcanica: i dinosauri potrebbero dunque essere stati investiti da una colata di fango e ceneri, visto che i loro resti non riportano segni di bruciatura. Resta ora da capire se i 24 cuccioli fossero tutti allo stesso stadio di sviluppo: la microstruttura delle loro ossa potrà rivelare se sono nati tutti dalla stessa covata.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*