Home » Medicina » Creata una risonanza ah hoc per i neonati, la più piccola al mondo

Creata una risonanza ah hoc per i neonati, la più piccola al mondo

Pensata specificatamente per i neonati, è la risonanza magnetica più piccola mai realizzata. Attualmente ce ne sono due, una a Sheffield e una a Boston e sono state utilizzate su 40 bambini. I medici del Royal Hallamshire Hospital la stanno testando per vedere meglio il cervello dei neonati prematuri ed eventuali sue anomalie e potrebbe essere utilizzata come alternativa agli ultrasuoni.

Gli ultrasuoni al cervello sono possibili nei neonati perché le ossa del cranio non sono ancora fuse, e le onde possono viaggiare attraverso le due fontanelle. ”Gli ultrasuoni sono economici, portatili e convenienti – spiega Paul Griffiths, uno dei ricercatori – ma la posizione delle fontanelle fa sì che alcune parti del cervello non riescano ad essere viste”. Con la risonanza invece si riesce a vedere ”tutto il cervello – continua – ottenendo un’immagine più chiara in grado di mostrare più anomalie cerebrali, in particolare quelle causate dalla mancanza di ossigeno o afflusso di sangue”.

Le risonanze magnetiche raramente vengono fatte sui prematuri perché il rischio di trasferire e ‘maneggiare’ un paziente così piccolo supera i possibili benefici. ”I macchinari della risonanza sono enormi, situati di solito nei sotterranei dell’ospedale, lontano dai reparti di maternità, e quindi è complicato trasportare il bambino fino a lì”. La macchina compatta per la risonanza dell’ospedale di Sheffield invece non è molto più grande di una lavatrice e si trova solo a qualche metro dall’unità neonatale di cure intensive, dove i medici possono intervenire in caso di problemi. Il prossimo passo, conclude Griffiths, sarà ”fare una sperimentazione clinica sui prematuri per dimostrare che la risonanza magnetica dà diagnosi migliori”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*