COVID, accordo GSK-CureVac per vaccini mRNA di prossima generazione

GlaxoSmithKline e CureVac hanno annunciato oggi una nuova collaborazione da 150 milioni di euro per sviluppare congiuntamente vaccini mRNA di prossima generazione contro il COVID-19 con il potenziale per una soluzione multi-valente per affrontare più varianti emergenti della malattia.

GSK sosterrà anche la produzione fino a 100 milioni di dosi del candidato vaccino COVID-19 di prima generazione di CureVac, CVnCoV, per l’anno in corso. Il programma di sviluppo inizierà immediatamente, con l’obiettivo di introdurre il vaccino nel 2022, previa approvazione regolatoria. Attualmente CVnCoV è in fase di sperimentazione clinica di fase 2b / 3

L’aumento delle varianti emergenti con il potenziale per ridurre l’efficacia dei vaccini COVID-19 di prima generazione richiede un’accelerazione degli sforzi per sviluppare vaccini contro nuove varianti per mantenersi un passo avanti rispetto alla pandemia.

Questi vaccini COVID-19 di nuova generazione possono essere utilizzati per proteggere le persone che non sono state vaccinate in precedenza o per fungere da stimolatori nel caso in cui l’immunità COVID-19 ottenuta da una vaccinazione iniziale si riduca nel tempo. Inoltre, la collaborazione tra le due aziende valuterà lo sviluppo di nuovi vaccini a mRNA per la protezione da più virus respiratori, incluso COVID-19.

La piattaforma di CureVac è adattata in modo univoco alla progettazione di vaccini multivalenti con una risposta immunitaria equilibrata e una bassa dose di mRNA.

“Crediamo che i vaccini di prossima generazione saranno cruciali nella lotta continua contro COVID-19 – dice Emma Walmsley, CEO di GSK – Questa nuova collaborazione si basa sulla nostra relazione esistente con CureVac e significa che insieme uniremo la nostra esperienza scientifica nello sviluppo di mRNA e vaccini per far avanzare e accelerare lo sviluppo di nuovi candidati vaccini COVID-19. Allo stesso tempo, sosterremo anche la produzione dei vaccini di prima generazione di CureVac con la produzione di 100 milioni di dosi nel 2021 “.

“Siamo molto lieti di far progredire la nostra relazione con GSK attraverso un nuovo accordo per sviluppare congiuntamente vaccini basati su mRNA di prossima generazione, oltre al nostro attuale candidato CVnCoV – osserva Franz-Werner Haas, CEO di CureVac – Con l’aiuto della comprovata esperienza di GSK sui vaccini, ci stiamo attrezzando per affrontare le future sfide sanitarie con nuovi vaccini “.

In base ai termini del nuovo accordo di collaborazione, GSK sarà il titolare dell’autorizzazione all’immissione in commercio per il vaccino di nuova generazione, ad eccezione della Svizzera, e avrà i diritti esclusivi per sviluppare, produrre e commercializzare il vaccino COVID-19 di prossima generazione in tutti i paesi con l’eccezione di Germania, Austria e Svizzera. GSK effettuerà un pagamento anticipato di 75 milioni di euro e un ulteriore pagamento milestone di 75 milioni di euro, subordinato al raggiungimento di specifici traguardi.

Post correlati

Lascia un commento

*