Home » Medicina » COVID-19, perché gli uomini si ammalano più delle donne? La risposta in un enzima

COVID-19, perché gli uomini si ammalano più delle donne? La risposta in un enzima

(Reuters Health) – Nel sangue degli uomini ci sono livelli più alti rispetto alle donne di un enzima, l’Ace-2, “usato” dal nuovo Coronavirus per infettare le cellule, e la sua concentrazione è particolarmente elevata nei testicoli. Per questo motivo il COVID-19 sarebbe più letale nella popolazione maschile.

È quanto emerge dai risultati di uno studio europeo pubblicato dall’European Heart Journal. Dal lavoro è anche emerso come i farmaci Ace-inibitori o bloccanti dei recettori dell’angiotensina (Arb) non siano responsabili di alte concentrazioni di Ace2 e, dunque, non dovrebbero aumentare il rischio di contrarre il virus nelle persone che li assumono.

Gli Ace-inibitori e gli Arb sono ampiamente prescritti a pazienti con insufficienza cardiaca congestizia, diabete o patologie renali. “I nostri risultati non supportano la sospensione di questi farmaci nei pazienti Covid-19”, dice Adriaan Voors, professore di cardiologia presso il Centro medico universitario (Umc) di Groningen nei Paesi Bassi, che ha co-condotto lo studio.

Lo studio
Il team di Voors ha misurato le concentrazioni di Ace2 nei campioni di sangue prelevati da oltre 3.500 pazienti con insufficienza cardiaca provenienti da 11 Paesi europei. Lo studio era iniziato prima della pandemia di coronavirus, hanno sottolineato i ricercatori, e quindi non includeva pazienti con Covid-19.

Ma quando altre ricerche hanno iniziato a indicare Ace2 come biomarcatore chiave per l’ingresso del nuovo coronavirus nelle cellule, Voors e il suo team hanno approfondito questo aspetto nella coorte dei pazienti, allargando la ricerca alla rilevazione dell’enzima in altri organi del corpo.

I ricercatori hanno osservato così potuto osservare come Ace-2, oltre che nei polmoni, nel cuore, nei reni, nei tessuti che rivestono i vasi sanguigni, fosse presente a livelli particolarmente elevati nei testicoli.

Fonte: European Heart Journal
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*