Coronavirus: bloccare la replicazione virale è possibile

Bloccare la replicazione del virus SarsCoV2 è possibile grazie a un composto denominato Eblesen: merito del suo ‘cuore’ di selenio, capace di spuntare le ‘forbici’ molecolari che il virus utilizza per moltiplicarsi.

A svelarne il meccanismo d’azione è  uno studio pubblicato sulla rivista New Journal of Chemistry dal gruppo di ricerca di Giuseppe Resnati del Dipartimento di Chimica, Materiali e Ingegneria Chimica ‘Giulio Natta’ del Politecnico di Milano.

Quando il virus infetta l’ospite, sfrutta i macchinari delle sue stesse cellule per sintetizzare nuove proteine virali e replicarsi. Alcune di queste proteine vengono prodotte unite fra loro e devono essere tagliate da forbici molecolari, chiamate proteasi. Nel caso di SarsCoV2, entra in azione la proteasi Mpro, da tempo riconosciuta come uno dei bersagli più promettenti da mirare per lo sviluppo di nuovi farmaci.

Il composto Eblesen, già  noto per la sua attività contro diversi virus a Rna, è risultato essere uno dei più  potenti inibitori di Mpro, selezionato tra oltre 10.000 candidati, e i ricercatori del Politecnico hanno scoperto perchè . Ebselen si lega a SarsCoV2 e ad altri retrovirus pericolosi per l’uomo (come il virus Hiv e quello dell’epatite C) proprio grazie al selenio. “Abbiamo individuato che l’atomo di selenio di Ebselen interagisce fortemente con alcuni gruppi tipicamente presenti nelle proteine attraverso il legame calcogeno, un’interazione che da anni è  oggetto di studio nei nostri laboratori, inibendo la replicazione del virus. Questo – commenta Resnati – rappresenta un importante passo avanti nella lotta a Covid-19”.

Post correlati

One Thought to “Coronavirus: bloccare la replicazione virale è possibile”

  1. Giovanni Hinrichsen

    La scoperta dell’acqua calda…….adesso sarebbe il caso di dire agli italiani che se passeggiano o guidano la macchina possono togliere la mascherina

Lascia un commento

*