Home » Energia » Confermato, le collisioni al Cern viaggiano a 13.000 miliardi di elettronvolt

Confermato, le collisioni al Cern viaggiano a 13.000 miliardi di elettronvolt

2ALICEOggi, nel più grande acceleratore del mondo, il Large Hadron Collider (Lhc) del Cern di Ginevra, sono avvenute in modo stabile le prime collisioni di particelle all’energia record di 13.000 miliardi di elettronvolt (13 TeV), mai raggiunta finora da una macchina, confermando i test del 21 maggio scorso. Comincia quindi a tutti gli effetti la cosiddetta Run 2, la seconda corsa dell’Lhc, dopo quella che, con le collisioni a 7 TeV avvenute fra il 2010 e il 2012, aveva portato alla scoperta del bosone di Higgs.

Dalle prime ore del mattino nella sala di controllo del Cern sono cominciate le operazioni che hanno letteralmente aperto le porte sulla nuova fisica. Prima i fasci di protoni sono stati iniettati nell’anello da 27 chilometri dell’Lhc; quindi sono stati accelerati, portati all’energia di 6,5 TeV ciascuno e allineati in modo da ottenere le collisioni. Grazie all’energia altissima alla quale avvengono, le collisioni (presto attese al ritmo di un miliardo al secondo) potrebbero dare origine a particelle mai viste finora, ognuna delle quali potrebbe aiutare a far luce sui ‘rompicapo’ della fisica (come la composizione della materia oscura) finora impossibili da spiegare. Ma potrebbero anche rivelare qualcosa di completamente imprevisto.

”Non bisogna aver fretta”, ha detto il direttore generale del Cern, Rolf Heuer, subito dopo le prime collisioni, osservate dai principali esperimenti dell’acceleratore. ”È un traguardo fantastico, ma non è detto che i risultati possano arrivare a breve, ci vuole pazienza”, ha aggiunto. ”La ricerca richiede pazienza” anche per il direttore designato del Cnr, Fabiola Gianotti e, come ha osservato il direttore scientifico del Cern, Sergio Bertolucci, ”comunque vada, è certo che aumenteremo le nostre conoscenze”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento


*