Home » Medicina » Compromissione della mobilità: un biomarker per il declino funzionale negli anziani

Compromissione della mobilità: un biomarker per il declino funzionale negli anziani

(Reuters Health) – La valutazione della mobilità negli over 65 durante il ricovero “può essere utile per identificare i pazienti più anziani con infarto miocardico acuto che sono a rischio di declino funzionale. È quanto emerge da uno studio pubblicato da JAMA Internal Medicine.

 

Lo studio
Alexandra Hajduk della Yale School of Medicine, a New Haven, nel Connecticut, e i colleghi hanno valutato la mobilità di oltre 2.500 anziani usando il test Timed Up and Go (TUG).

L’età media dei partecipanti era di 81 anni e il 57% era composto da uomini, tutti ricoverati in ospedale per un infarto acuto del miocardio in 94 ospedali diversi.

In base ai risultati ottenuti con il TUG, i pazienti sono stati suddivisi in 4 gruppi: mobilità preservata, compromissione lieve, compromissione moderata, compromissione grave.

In più della metà dei partecipanti, durante la degenza, la mobilità era compromessa: il 22% presentava una menomazione lieve, il 16% moderata e il 15% grave.

Un quarto degli adulti ha riportato un declino funzionale sei mesi dopo la dimissione rispetto a un mese prima dell’ammissione. Il 13% ha riferito di un declino delle attività della vita quotidiana (ADL) e il 17% ha riferito di un declino della capacità di percorrere 400 metri.

Solo il 4% di coloro la cui mobilità non era stata compromessa durante il ricovero ha riportato un declino delle attività della vita quotidiana. Il tasso era vicino al 7% nei soggetti con compromissione lieve e al 19% in quelli con compromissione moderata. Il 35% delle persone che avevano riscontrato una compromissione grave hanno dichiarato un declino delle attività della vita quotidiana. Solo gli ultimi due risultati erano statisticamente significativi.

Nell’11% dei partecipanti del primo gruppo (mobilità preservata) è stata osservata una diminuzione nella capacità di percorrere 400 metri. Diminuzione riscontrata nel 15% di coloro con disabilità lieve, nel 19% di quelli con disabilità moderata e nel 25% di quelli con disabilità grave. Tutti e tre i risultati erano statisticamente significativi.

“Abbiamo scoperto che la compromissione della mobilità è associata al declino di tutte le attività che abbiamo valutato”, scrivono gli autori. “Questa scoperta è importante perché la perdita della capacità a eseguire autonomamente le attività della vita quotidiana può segnalare una transizione critica per gli anziani dall’indipendenza alla dipendenza “.

La maggior parte dei pazienti anziani considera l’operatività e l’indipendenza prioritaria rispetto alla longevità. Quindi “i medici che si occupano di adulti più anziani con infarto acuto del miocardio devono riconoscere e affrontare le minacce all’indipendenza del paziente.Il TUG è una valutazione rapida, liberamente disponibile e facile che può essere amministrata da medici o personale di supporto senza una formazione approfondita”, concludono gli autori.

Fonte: JAMA Intern Med 2019

Reuters Staff

(Versione italiana per Quotidiano Sanità/Popular Science)

Tag

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*