Home » Medicina » Colera: funziona vaccino a cellule intere e inattivate per via orale

Colera: funziona vaccino a cellule intere e inattivate per via orale

(Reuters Health) – Una singola dose di vaccino somministrato per via orale, con cellule intere e inattivate, sarebbe in grado di proteggere adulti e bambini oltre i cinque anni di età, per almeno due anni, contro l’infezione da colera. Sono questi i dati che emergono daun trial clinico condotto in Bangladesh e guidato da Firdausi Qadri, dell’International Center for Diarrheal Disease Research Bangladesh, a Dacca. I risultati della sperimentazione sono stati pubblicati da Lancet Infectious Disease.

La premessa
Il vaccino contro il colera per via orale viene generalmente somministrato in due dosi e conferisce protezione per almeno cinque anni. In molte situazioni, però, dare la seconda dose diventa difficile, quindi sarebbe meglio avere una protezione immediata già dopo la prima. Sempre Qadri e colleghi, in un lavoro precedente, avevano evidenziato che una singola dose di vaccino fornisce il 40% di protezione contro tutti gli episodi di colera e il 63% di protezione contro episodi gravi, in sei mesi di follow-up.

Lo studio
Nello studio appena pubblicato, i ricercatori hanno riportato i dati relativi a due anni di follow-up. La protezione complessiva è stata del 39%, con un’efficacia del 50% contro episodi gravi di colera. Tra i bambini sotto i cinque anni, invece, non è stata evidenziata alcuna protezione. Mentre tra i partecipanti di età compresa tra cinque e 15 anni al momento della vaccinazione, l’efficacia a livello di protezione è stata del 52% contro tutti i tipi di colera e del 71% contro le forme più gravi. Infine, per i partecipanti di oltre 15 anni, la protezione è arrivata al 59%, per qualsiasi tipo di colera e per quello più grave.

I commenti
“Il regime di dosaggio a una dose con cellule intere inattivate è stato impiegato spesso in situazioni di disastri umanitari, in cui il completamento della seconda dose è difficile”, osservano i ricercatori. “I nostri risultati indicano che quando si verificano episodi endemici di colera, non bisogna scoraggiarsi se non si riesce a completare il trattamento con due dosi, perché i bambini più grandi e gli adulti saranno protetti per almeno due anni, da una singola dose”. Lorenzo Pezzoli, del Cholera Team dell’OMS, non crede però “che quanto studio cambierà il modo in cui usiamo il vaccino attualmente”. Anche perché, aggiunge l’esperto, !questo trattamento viene già viene consigliato a una dose in situazioni di emergenza”. Ma è importante sottolineare che “il vaccino non risolverà il problema del colera, specialmente in paesi come il Bangladesh, ma a questo trattamento devono seguire miglioramenti a livello di condizioni di servizi igienico sanitarie e delle acque”.

Fonte: Lancet Infectious Disease

Will Boggs

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*