Home » Medicina » Cicatrici dei “cattivi” del cinema impressionano i pazienti con patologie cutanee?

Cicatrici dei “cattivi” del cinema impressionano i pazienti con patologie cutanee?

Le cicatrici e le caratteristiche facciali dei più terrificanti “cattivi” del cinema potrebbero finire per impressionare i pazienti che presentano gli stessi tratti. Fra i primi 10 “cattivi” del cinema americano secondo l’American Film Institute, la maggior parte presenta segni cutanei come cicatrici, eccessiva perdita di capelli, colorito anomalo della pelle e rughe profonde.

Secondo Amthor Croley dell’università del Texas, autrice di uno studio in materia, sembra che le patologie cutanee vengano usate nei film per evidenziare la dicotomia fra bene e male, e ciò potrebbe facilitare una tendenza verso la discriminazione nei confronti dei portatori di patologie cutanee.

Già all’epoca del film muto i registi si basavano su elementi visivi in assenza delle parole, ed è stato allora che è nata questa tendenza. Secondo l’autrice, negli eroi dei film le cicatrici tendono ad appartenere all’attore stesso, mentre quelle dei malvagi sono prominenti, multiple, dall’aspetto unico e di solito applicate con il trucco.

Per quanto l’impiego di una cute danneggiata per indicare il malvagio della storia sia probabilmente un lascito dei film muti, i registi moderni potrebbero impiegare istintivamente queste caratteristiche nei loro film. Di fatto, questa tendenza è arrivata sino all’epoca contemporanea, ed ha il potenziale di determinare un pregiudizio nei confronti di alcuni pazienti.

Il presente studio pertanto è teso ad incrementare la consapevolezza sia nel pubblico che nei registi su questo problema. (JAMA Dermatol online 2017, pubblicato il 5/4)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*