Home » Medicina » Chirurgia maxillo-facciale: da stampanti 3D modelli simili a quelli commerciali

Chirurgia maxillo-facciale: da stampanti 3D modelli simili a quelli commerciali

(Reuters Health)I modelli scheletrici maxillo-facciali possono essere riprodotti  con normali stampanti 3D in alternativa ai prodotti commerciali di fascia alta. A dirlo è un recente studio statunitense pubblicato da JAMA Otolaryngoiatry Head & Neck Surgery . I ricercatori hanno confrontato tre modelli scheletrici prodotti con strumenti in commercio e tre modelli realizzati con prodotti meno sofisticati. I modelli prodotti con tecnologia commerciale – una mandibola neonatale, una mandibola pediatrica e una mandibola di adulto – erano stati precedentemente utilizzati in chirurgia, mentre i modelli realizzati con stampanti 3D utilizzavano dati provenienti da sistemi d imaging tomografica. Sebbene i modelli riprodotti in 3D non fossero raffinati come quelli ottenuti con tecnologia di fascia alta, tuttavia presentavano un grado accettabile di precisione. I ricercatori fanno notare che nei modelli riprodotti con stampanti 3D la qualità era inferiore, ma i risparmi sui costi sono stati veramente notevoli.  Basti pensare che il costo per un modello mandibolare in 3D si aggira intorno di 90 dollari, mentre il modello commerciale supera i 1.000 dollari.

Fonte: JAMA Otolaryngoiatry Head & Neck Surgery

David Douglas  

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*