Home » Medicina » Chirurgia bariatrica: tecnica più recente peggiorerebbe di più il reflusso

Chirurgia bariatrica: tecnica più recente peggiorerebbe di più il reflusso

(Reuters Health) – I due tipi di interventi più popolari per perdere peso sarebbero ugualmente efficaci nel ridurre i chili di troppo e migliorare la condizione diabetica, con conseguente aumento anche della sopravvivenza. Tuttavia, nelle persone che soffrono di bruciore di stomaco o reflusso gastroesofageo, l’operazione di chirurgia bariatrica potrebbe peggiorare questi disturbi. È quanto avrebbero evidenziato due studi pubblicati su JAMA, che hanno entrambi tenuto sotto controllo i pazienti per cinque anni.

La premessa
Le due sperimentazioni hanno confrontato la più recente gastrectomia verticale parziale con il più datato intervento di bypass gastrico Roux-en-Y, opzioni “entrambe eccellenti per il trattamento dell’obesità”, almeno secondo David Arterburn, dell’Università di Washington a Seattle, e Anirban Gupta, del Washington Permanente Medical Group, sempre a Seattle, che hanno scritto un editoriale su JAMA, commentando un insieme di studi sulla perdita di peso pubblicati in un momento in cui l’epidemia di obesità sta peggiorando e i tentativi di fronteggiare a questa emergenza avrebbero avuto un successo limitato.

Gli studi
Il primo studio, noto come SM-BOSS, avrebbe preso in considerazione 217 pazienti svizzeri, scoprendo che la riduzione di peso tra chi si sottoponeva alla gastrectomia verticale parziale era del 25%, praticamente quasi paragonabile al 28,6% di perdita ottenuta usando tecniche più radicali. E anche i miglioramenti in termini di diabete, ipertensione e livelli di colesterolo sarebbero stati simili tra i due gruppi. Il 31,8% delle persone che venivano trattate con la gastrectomia verticale parziale, però, avrebbero mostrato un peggioramento dei sintomi del reflusso acido rispetto al 6,3% di coloro che si sottoponevano alla tecnica più datata. E secondo il primo autore di questo studio, Ralph Peterli del St. Claraspital di Basilea, i sintomi sarebbero migliorati nel 25% dei pazienti operati con la tecnica più recente, contro il 60,4% tra quelli operati con il bypass gastrico. Il secondo studio, pubblicato sempre su JAMA e chiamato SLEEVEPASS, avrebbe coinvolto 240 persone con obesità in Finlandia. Anche in questo caso, la gastrectomia verticale parziale sarebbe risultata efficace quanto il bypass gastrico, con i pazienti che avrebbero perso il 49% del loro peso contro il 57% di riduzione con la tecnica più datata. E anche in questo caso, entrambi gli interventi avrebbero prodotto risultati paragonabili in termini di miglioramento di diabete e livelli di colesterolo. E gli effetti sul reflusso potrebbero essere una discriminante, anche perché il 51% delle persone con obesità grave avrebbe questo problema di stomaco. “Questo è un fattore importante – ha spiegato  l’autore principale di questo secondo studio, Paulina Salminen del Torku University Hospital – che dovrebbe far preferire il bypass gastrico tra coloro che soffrono di reflusso moderato o grave”, ha concluso l’esperta.

Fonte: JAMA
di Gene Emery

(Versione italiana Quotidiano Sanità/ Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*