Home » Medicina » Chirurghi, come gestire l’invecchiamento?

Chirurghi, come gestire l’invecchiamento?

(Reuters Health) – I chirurghi a partire dai 65 anni dovrebbero sottoporsi a test cognitivi e psicomotori obbligatori nell’ambito delle valutazioni professionali, discussioni sulla transizione lavorativa e altre iniziative volte a supportare una forza lavoro che invecchia. In questo modo si potrebbe garantire allo stesso tempo la sicurezza del paziente. Queste, in sintesi, le indicazioni che emergono da un soondaggio della Society of Surgical Chairs (SSC), pubblicate il 15 maggio su JAMA Surgery.

Il rapporto SSC “fornisce le linee guida per la transizione del chirurgo anziano, secondo noi non assimilabile a tutti gli altri medici”, dice Todd Rosengart del Baylor College of Medicine di Houston,“Questo problema, come indicato nel documento, non viene trattato dalla comunità medica in un momento in cui i medici e i chirurghi che superano i 70 anni sono in aumento, inoltre nei prossimi 10-20 anni ci sarà una crescente carenza di medici”.

“Con l’avanzare degli anni si verifica un evidente declino della funzione cognitiva e psicomotoria dei medici e dei chirurghi, del 20% circa dai 40 ai 75 anni”, continua Rosengart . “In alcuni casi, ma non sempre, si può compensare con l’esperienza e la capacità ”. Rosengart aggiunge che le linee guida sono state stabilite “per garantire la sicurezza del paziente, evitando allo stesso tempo dei tagli ad una forza lavoro in diminuzione”.

Il sondaggio
Rosengart e colleghi hanno chiesto ai membri del SSC, che comprende 185 dipartimenti chirurgici (circa il 70% dei dipartimenti di chirurgia accademica degli Stati Uniti) di rispondere a un questionario su come ottimizzare al meglio la gestione del chirurgo che invecchia. Al sondaggio online hanno risposto il 60% degli intervistati (80 persone) di cui il 94% è d’accordo sulla redazione di un rapporto sull’argomento, il 30% lo considera un problema “molto significativo” e il 57% “poco significativo”.

Quarantasette intervistati hanno indicato a che età un chirurgo invecchia. Secondo 25 sono i 65 anni, secondo 14, i 70 anni. Nessuno ritiene che al di sotto dei 60 anni i chirurghi siano in una fase d’invecchiamento.

Trentatré intervistati (il 41%) hanno riferito di aver riscontrato problemi associati alle capacità cliniche, tecniche o cognitive dei chirurghi anziani almeno occasionalmente, mentre 17 (il 23%) hanno riferito di aver ricevuto domande associate al mantenimento dei privilegi da parte dei chirurghi anziani almeno di tanto in tanto.

Venti intervistati (il 25%) hanno dichiarato che nella loro struttura si tenta di risolvere i problemi di competenza cognitiva o si cerca d’indirizzare i chirurghi anziani verso valutazioni fisiche e psicomotorie.

Accompagnare i medici senior verso ruoli non clinici
“Un aspetto importante della nostra proposta sono le raccomandazioni che riguardano il monitoraggio delle prestazioni dei chirurghi anziani. Il monitoraggio dovrebbe includere un’analisi regolare con test cognitivi obbligatori, effettive prestazioni cliniche (che potrebbero non essere condizionate dalle capacità cognitive emerse dal test) e un percorso che permetta il passaggio graduale del medico senior a ruoli non operativi o non clinici”, aggiunge Rosengart.

“Servirebbe una consulenza di carriera precoce per aiutare i medici a coltivare interessi esterni, a fare un piano finanziario e a sviluppare delle competenze mediche che permettano di dare un contributo al di fuori della sala operatoria o della clinica”, spiega.

“Altrettanto importante è lo sviluppo istituzionale di ruoli non clinici per i medici senior, come il mentoring / coaching dei medici junior, peer review, sensibilizzazione della comunità e responsabilità amministrative”, aggiunge.

Fonte: JAMA Surg 2019

Marilynn Larkin

(Versione italiana per Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*