Home » Medicina » Cervelletto: individuati importanti meccanismi di sviluppo

Cervelletto: individuati importanti meccanismi di sviluppo

Subito dopo la nascita, il sistema nervoso deve apprendere come coordinare e perfezionare i movimenti, un compito fondamentale per la vita adulta, nel quale il cervelletto gioca un ruolo fondamentale. Proprio su questo aspetto si sono soffermati i ricercatori del Laboratorio di Neurofarmacologia dell’Irccs ‘Neuromed’ di Pozzilli.

Lo studio, condotto in collaborazione con l’Università di Tokyo, l’Università Sapienza di Roma e il Consiglio nazionale delle Ricerche (Cnr), ha mostrato come nelle cellule di Purkinje, un tipo di neuroni presenti nel cervelletto, si verifichi un ‘avvicendamento’ tra due tipi di recettori, entrambi appartenenti alla categoria dei recettori metabotropici per il glutammato (mGlu).

“I recettori – spiegano dal Neuromed – sono molecole presenti sulla superficie delle cellule nervose capaci di ricevere segnali chimici trasmessi dagli altri neuroni. Attraverso esperimenti su modelli animali, si è visto che nelle primissime fasi dopo la nascita le cellule del Purkinje presentano sulla loro membrana una predominanza del recettore di tipo 5 (mGlu5). Successivamente il 5 declina, mentre viene espresso in modo massiccio il tipo 1 (mGlu1)”.

Proprio su questo ‘cambio della guardia’ tra i due recettori, lo studio condotto dai ricercatori del Neuromed ha dimostrato che, durante le prime fasi di sviluppo, “il recettore tipo 1 invia un messaggio alla cellula, provocando la soppressione del 5.Quindi le due molecole sono interdipendenti. Tanto è vero che, bloccando l’espressione del mGlu1, il tipo 5 può riapparire”.

“Il recettore mGlu1 – dice Serena Notartomaso, primo autore dell’articolo scientifico – è fondamentale nei meccanismi di base della programmazione dei movimenti, ed è coinvolto in diverse patologie. Una sua diminuzione nelle cellule del Purkinje viene ad esempio osservata nelle patologie genetiche del cervelletto, come le atassie spinocerebellari, ma anche nella sclerosi multipla”.

“Naturalmente – commenta Ferdinando Nicoletti, responsabile del Laboratorio di Neurofarmacologia del Neuromed e ordinario di Farmacologia dell’Università Sapienza di Roma – questa è una ricerca di base, ma apre le porte a tutta una serie di interrogativi che possono essere di interesse medico”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*