Home » Medicina » Cefalea cronica: ne soffre il 2% della popolazione

Cefalea cronica: ne soffre il 2% della popolazione

Sono il 2% della popolazione del persone colpiti da cefalea cronica, una patologia che effetti devastanti sulla vita di tutti i giorni non solo in termini di salute ma anche economici. Attualmente non è ancora riconosciuta come malattia sociale, ma è recente la proposta di inserimento della cefalea cronica nei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA). A evidenziarlo è Paolo Martelletti, Presidente della Fondazione Italiana per lo Studio delle Cefalee onlus.

“L’onorevole Giuditta Pini ha da tempo posto all’attenzione del Parlamento e della Commissione Ministeriale dei LEA, questa improcrastinabile esigenza socio-sanitaria – spiega Martelletti – La rete italiana dei Centri Cefalee, articolata in molteplici strutture pubbliche ad elevata qualificazione, è da tempo preparata ad attuare percorsi stabili ed efficaci per questi pazienti e per fornire un percorso strutturato che possa reinserire questi pazienti cronici nelle loro realtà sociali e lavorative ideali, riducendo così gli enormi costi sociali impiegati nella loro riabilitazione, e abbattendo inoltre le enormi risorse impiegate nella gestione di queste emergenze, sia in ambito di Pronto Soccorso che di ridondante e non necessaria diagnostica suppletiva. L’associazione italiana dei pazienti affetti da cefalea e la Lega Italiana Cefalalgici – conclude – si e’ unita attivamente in questo processo di equità sociale a favore di questa minoranza di pazienti svantaggiati, affetti da cefalea primaria cronica”.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*