Home » Medicina » CDC: nuovi casi di mielite flaccida acuta negli Stati Uniti

CDC: nuovi casi di mielite flaccida acuta negli Stati Uniti

(Reuters Health) – Secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), sono 106 i casi confermati fino a questo momento in 29 Stati Usa di mielite acuta flaccida (Afm). Il triplo rispetto allo stesso periodo del 2017. L’Afm è caratterizzata da una rapida insorgenza di debolezza muscolare in uno o più arti, oltre a lesioni della sostanza grigia nel midollo spinale.

In una conferenza stampa Nancy Messonnier, direttrice del Centro nazionale per le immunizzazioni e le malattie respiratorie, ha detto che  al momento non ci sono terapie mirate o interventi con prove sufficienti per questa patologia “Consigliamo ai medici di velocizzare le consulenze neurologiche e sulle malattie infettive per discutere sul trattamento e sulla gestione -ha sottolineato l’esperta- Come mamma, so cosa vuol dire avere paura per tuo figlio e capisco che i genitori vogliono risposte … In questo momento la scienza non ne fornisce”.

Manisha Patel, pediatra che sta lavorando l’indagine Afm del Cdc, ha aggiunto: “I medici devono essere vigili e segnalare immediatamente al proprio Stato o dipartimento sanitario locale eventuali pazienti che soddisfano i criteri clinici per la malattia (comparsa improvvisa di debolezza muscolare negli arti) utilizzando il modulo di sintesi del paziente Cdc, indipendentemente da risultati di laboratorio o da quelli della risonanza magnetica”.

Secondo l’esperta i camici bianchi dovrebbero anche consultare il proprio dipartimento sanitario locale e statale per test di laboratorio su campioni di feci, respiratori, del sangue e dei liquidi cerebrospinali per enterovirus (incluso poliovirus), virus del Nilo occidentale e altre eziologie infettive note per pazienti che soddisfano i criteri clinici Afm.

“Occorre raccogliere i campioni dai pazienti sotto esame per l’Afm il più presto possibile nel corso della malattia – ha aggiunto Patel – preferibilmente il giorno dell’esordio del sintomo della debolezza degli arti”.

Identikit della patologia
Tra i casi confermati identificati dal 1 ° gennaio al 2 novembre 2018, l’età media dei pazienti era di quattro anni, il 59% era di sesso maschile e la maggior parte erano bianchi, ha segnalato il Cdc nel suo rapporto “Morbidity and Mortality Weekly”.

Durante le quattro settimane precedenti l’insorgenza della debolezza degli arti, sono stati segnalati segni e sintomi compatibili con una malattia virale per il 99% dei pazienti, inclusa febbre per l’81%, sintomi respiratori (ad es. tosse, congestione) per il 78% e sintomi gastrointestinali (come vomito e diarrea) per il 38%.

Il coinvolgimento dell’arto superiore è stato segnalato solo dal 47,5% dei pazienti; l’arto inferiore solo dall’8,8%; da due a tre arti superiori e inferiori nel 15% dei casi; e tutti e quattro gli arti dal 28,8%. Tutti i pazienti con Afm confermata sono stati ospedalizzati, per il 59% ricoverati nelle unità di terapia intensiva.

Tra il 98% dei casi con risultati Csf, l’83% ha presentato pleocitosi (conta delle cellule mediane, 103 cellule per mm3) e la maggior parte ha evidenziato una predominanza linfocitaria.

L’intervallo medio tra la debolezza degli arti e la raccolta del liquor è stato di un giorno e l’intervallo mediano dal riscontro di sintomi o sintomi alla raccolta di Csf è stato di sette giorni per malattia respiratoria, quattro per sintomi gastrointestinali e tre per febbre. Più della metà (il 54%) dei pazienti con Afm è risultata positiva per un enterovirus/rhinovirus. Nessun decesso è stato segnalato. “Le evidenze cliniche, di laboratorio e epidemiologiche dei dati suggeriscono un’associazione virale”, concludono Patel e colleghi.

Fonte:MMWR 2018

Marilynn Larkin

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*