Ulcera & Reflusso

Chirurgia antireflusso: non rari terapia medica antireflusso e nuovi interventi

A seguito della chirurgia antireflusso sono stati riportati tassi altamente variabili di recidiva del reflusso gastroesofageo. E’ stato dunque condotto in Inghilterra uno studio per ...

Approfondisci
Fundoplicatio di Belsey modificata robotica: buoni risultati a lungo termine

La fundoplicatio di Nissen è associata ad una scarsa durevolezza a lungo termine, nonché a disfasia ed a gonfiore addominale. Un recente studio ha riportato i risultati a lungo termine della ...

Approfondisci
Reflusso notturno incrementa rischio sonnolenza diurna nelle donne

La sonnolenza diurna è comune nelle donne ed ha effetti negativi sulla salute. Il reflusso gastroesofageo notturno ed il russamento sono fattori di rischio di sonnolenza diurna, ma l’effetto ...

Approfondisci
Cataratta precoce incrementa rischio ulcera peptica

La cataratta ad insorgenza precoce (EOC) è associata ad un incremento della risposta infiammatoria e pertanto potrebbe rappresentare un potenziale fattore di rischio per altre patologie ...

Approfondisci
Ulcera peptica duodenale perforata: gestione mediante sutura chirurgica

La chirurgia laparoscopica è divenuta lo standard di riferimento per molte procedure dati i suoi vantaggi come una ridotta degenza post-operatoria, una ripresa più rapida ed un minor livello di ...

Approfondisci
Infezione da H. pylori e prevalenza dell’ictus

L’H. Pylori  causa l’ulcera peptica, ma sussistono evidenze conflittuali sul suo ruolo nelle patologie extragastriche. E’ stato dunque condotto uno studio atto ad esaminare le ...

Approfondisci
PPI: candidatura alla deprescrizione nelle strutture a lunga degenza

I PPI rappresentano una classe di farmaci comunemente prescritta per inibire la secrezione acida dello stomaco. Essi vengono prescritti sia per il trattamento che per la profilassi di diverse ...

Approfondisci
Reflusso e pressione basale dello sfintere esofageo inferiore

La manometria ed il monitoraggio del pH nelle 24 ore sono stati studiati soltanto saltuariamente. È stata dunque condotta un’indagine per investigare questi parametri come standard di ...

Approfondisci
Sfide per la gestione dell’esofagite eosinofila

L’esofagite eosinofila può risultare difficile da gestire per i pazienti che vengono indirizzati da un allergologo. Ciò si deve a molteplici fattori, fra cui la sovrapposizione nella ...

Approfondisci
Esofago di Barrett: PPI ed aspirina migliorano gli esiti

La combinazione di aspirina e PPI ad alte dosi migliora gli esiti nei pazienti con esofago di Barrett, come evidenziato dai risultati dello studio AspECT. L’esofago di Barrett è una condizione ...

Approfondisci
  • Leggi la Rivista:

     
  • Leggi la Rivista:

     
  • Leggi la Rivista: