neuroscienze-patologie-neurodegenerative

Sclerosi Multipla, le ultime novità dal meeting congiunto ACTRIMS-ECTRIMS

Novartis ha presentato 48 abstract al MSVirtual2020: meeting congiunto ACTRIMS-ECTRIMS (MSVirtual2020: 8th Joint ACTRIMS-ECTRIMS Meeting), tenutosi dall’11 al 13 settembre 2020. Le comunicazioni, in particolare, hanno riguardato: 1. Nuovi dati di efficacia e sicurezza per ofatumumab – la prima e unica terapia mirata alle…

Leggi

Dare un nome ai neuroni corticali: una svolta nelle neuroscienze

Dal momento in cui l’istologo spagnolo Ramón y Cajal ha identificato nel singolo neurone l’unità strutturale del sistema nervoso, fino ad oggi, sono state descritte centinaia di tipi diversi di cellule nervose differenti. Nel cervello umano ci sono circa 100 miliardi di neuroni, e…

Leggi

Il primo passo verso la prevenzione dell’Alzheimer

prevenzione alzheimer

Lo stile di vita e la salute vascolare sono importanti fattori di rischio per la malattia di Alzheimer. Lo conferma un’ampia meta-analisi condotta a partire da centinaia di studi, per identificare i principali fattori di rischio per la patologia per cui, al momento, non…

Leggi

L’uso di cannabis peggiora la funzione cognitiva negli adolescenti

Un consumo, anche moderato, della marijuana potrebbe avere un effetto sulle performance cognitive dei giovani, e in particolare sulla memoria verbale. È quanto suggerisce uno studio condotto dai ricercatori della University of Colorado School of Medicine e pubblicato sulla rivista Addiction. Gli scienziati hanno…

Leggi

SMR: FDA approva ofatumumab, prima terapia auto-somministrata

La FDA ha approvato ofatumumab (precedentemente noto come OMB157) di Novartis come farmaco iniettivo ad uso sottocutaneo per il trattamento delle forme recidivanti di sclerosi multipla (SMR), includendo la sindrome clinicamente isolata, la malattia recidivante-remittente e la malattia secondariamente progressiva attiva negli adulti. L’approvazione…

Leggi

SLA, un test del sangue per diagnosticarla

(Reuters Health) – Un gruppo di otto microRNA (miRNA) sono in grado di identificare i pazienti con sclerosi laterale amiotrofica (SLA)/malattia dei motoneuroni (MND). È quanto emerge da uno studio condotto dall’Institute for Ethnomedicine di Jackson, nel Wyoming. “Sequenziando i microRNA dagli esosomi cerebrali…

Leggi

Il ruolo dei linfociti nello sviluppo della sclerosi multipla

I linfociti T potrebbero svolgere un ruolo cruciale nelle fasi avanzate della sclerosi multipla. È quanto osservano i ricercatori del Dipartimento di Neuroimmunologia dell’Istituto olandese di neuroscienze, ad Amsterdam. Lo studio, pubblicato sulla rivista Brain mostra come i linfociti T di memoria invadano il…

Leggi