Ipertensione & Scompenso

Riduzione pressoria intensiva: non rischiosa ipotensione ortostatica senza sintomi

L’ipotensione ortostatica non sintomatica che si riscontra nel contesto del trattamento dell’ipertensione non è associata ad alcun incremento del rischio di eventi cardiovascolari, cadute o ...

Approfondisci
Riserva funzionale cardiovascolare migliora con il trapianto di rene

La riserva funzionale cardiovascolare migliora a seguito di un trapianto di rene nei pazienti con nefropatie terminali anche in assenza di alterazioni significative della morfologia ventricolare, ...

Approfondisci
Insufficienza cardiaca resistente ai diuretici: promettente soluzione salina ipertonica

La soluzione salina ipertonica (HS) risulta sicura e ben tollerata come trattamento adiuvante per i diuretici dell’ansa nell’insufficienza cardiaca acuta scompensata (ADHF), come emerge da ...

Approfondisci
Abitudini sane cedono il passo dopo l’introduzione di statine ed antipertensivi

Per quanto uno stile di vita sano per il cuore rappresenti una potente medicina nella gestione del rischio cardiovascolare, uno studio condotto su 11.225 soggetti ha riscontrato che molti ...

Approfondisci
Ipertensione: meno rischii con lo sci cross-country a lunga distanza

I soggetti che praticano sci cross-country a lunga distanza hanno meno probabilità di sviluppare l’ipertensione rispetto agli altri. Lo ha accertato uno studio che ha esaminato i dati relativi ...

Approfondisci
Controversie sulle nuove soglie pressorie diastoliche

L’ipertensione diastolica isolata è oggi maggiormente prevalente, data la definizione di ipertensione impiegata nelle più recenti linee guida statunitensi, ma questa condizione non ...

Approfondisci
Insufficienza cardiaca sistolica non ischemica: ICD per tutti?

Lo studio multicentrico DANISH del 2016 ha messo in dubbio l’opportunità di impiegare defibrillatori impiantabili (ICD) di routine in tutti i pazienti con insufficienza cardiaca sistolica non ...

Approfondisci
LVAD: esiti simili con trattamento definitivo o bridging

Gli esiti clinici del trattamento con LVAD sono simili a prescindere dal fatto che il paziente sia o meno candidato ad un trapianto cardiaco, come emerge dallo studio MOMENTUM 3. Come affermato ...

Approfondisci
Assistenza post-natale a seguito di disturbi ipertensivi della gravidanza

E’ stato condotto uno studio allo scopo di esplorare i punti di vista e le esperienze cliniche relative all’assistenza post-natale per le donne che hanno manifestato disturbi ipertensivi ...

Approfondisci
Aldosteronismo primario può presentarsi sotto forma di fibrillazione atriale

La fibrillazione atriale può costituire un segno di presentazione dell’aldosteronismo primario nei pazienti con ipotensione. Lo suggerisce lo studio PAPHY, condotto su 411 pazienti da ...

Approfondisci