Nell’ipercolesterolemia familiare eterozigote servono nuove stratificazioni di rischio

Secondo una revisione della letteratura pubblicata sul Journal of Atherosclerosis and Thrombosis, e diretto da Yu Kataoka, del National Cerebral & Cardiovascular Centre, in Giappone, l’incorporazione di nuove stratificazioni di rischio permetterebbe un’adeguata allocazione dell’intensità delle terapie ipolipemizzanti nei soggetti con ipercolesterolemia familiare eterozigote,…

Leggi

Ipertrigliceridemia moderata e rischio cardiovascolare: buoni risultati con olezarsen

Secondo uno studio pubblicato sull’ European Heart Journal, olezarsen, un oligonucleotide antisenso coniugato con N-acetil-galattosamina che ha come target l’mRNA epatico di APOC3 per inibire la produzione di apolipoproteina C-III (apoC-III), riduce significativamente apoC-III, trigliceridi e lipoproteine ​​aterogeniche in pazienti con ipertrigliceridemia moderata e…

Leggi