Carie precoce? Mappati i batteri responsabili

Quali sono le popolazioni batteriche implicate nell’insorgenza delle carie precoci, quelle cioè che si sviluppano prima dei 6 anni? Uno studio condotto da dentisti pediatri Usa e basato sull’analisi genomica della saliva può fornire la risposta. Lo studio viene presentato in occasione del 47/imo Meeting Annuale della American Association for Dental Research (AADR), che si tiene a Fort Lauderdale (Florida), in congiunzione con il 42/imo Meeting Annuale della Canadian Association for Dental Research (CADR).

La ricerca è stata condotta da Kimon Divaris della University of North Carolina-Chapel Hill che ha spiegato: “secondo la definizione della American Academy of Pediatric Dentistry (AAPD) le carie precoci del bambino si riferiscono a segni di carie nei denti dei bimbi under-6”.

I bambini ‘ereditano’ la popolazione batterica della propria bocca in parte dai genitori, spiega Divaris, (infatti vi è evidenza di ceppi batterici che ricorrono nei membri di una stessa famiglia); ma vi è anche una forte influenza ambientale, sia della dieta sia dei contatti con altri individui e coetanei al di fuori del nucleo familiare. Tutto ciò fa sì che alcuni bimbi siano più o meno predisposti alla carie.

Gli esperti hanno raccolto e analizzato il genoma dei batteri presenti nel biofilm sopragengivale di un campione di 118 bimbi di 3-5 anni con o senza carie precoce.    Attraverso l’analisi del Dna del microbioma presente nella bocca dei bambini gli esperti hanno identificato un totale di 85 generi di batteri e 201 specie diverse. Si sono notate ampie differenze nella composizione batterica delle bocche dei piccoli senza carie, di quelli con carie curate e di quelli con carie non trattate.

Rispettivamente nei primi erano più abbondanti i batteri Streptococcus intermedius e Capnocytophaga; nei secondi Actinomyces odontolyticus e Streptococcus australis; in quelli con la carie non trattata Streptococcus mutans. “I nostri risultati confermano noti sospetti nella carie precoce, come lo Streptococcus mutans” – afferma Divaris.

“Con questo studio – continua -abbiamo caratterizzato la composizione del microbioma gengivale di bimbi in età prescolare nelle diverse categorie cliniche (senza carie, con carie curate e non). Questa conoscenza potrebbe consentire di sviluppare approcci di medicina personalizzata per diagnosi, prevenzione e cura della bocca. Il nostro scopo ultimo è quello di caratterizzare la salute e la malattia orale a livello molecolare – conclude – sì da poter prevedere il rischio di malattia prima ancora che la carie si sviluppi”.

Post correlati

Lascia un commento

*