Home » Ambiente » Capodogli: ecco come “parlano”

Capodogli: ecco come “parlano”

I capodogli comunicano in 4 modi differenti: click lento, click usuale, scricchiolio e coda; ma, attenzione, lo fanno solo di giorno, mai di notte. A rivelare come parlano questi cetacei sono stati l’ecologa Elanor Miller e l’esperto di acustica sottomarina Brian Miller, dell’Australian Antarctic Division.

La ricerca
Lo studio, durato 6 anni, è il più dettagliato mai eseguito sul comportamento su questi grandi cetacei che misurano fino a 18 metri di lunghezza. Dalle registrazioni, riferiscono i due esperti sul sito dell’Australian Antarctic Division, sembra che i capodogli usino i click lenti e le code per comunicare fra loro, i click usuali e gli scricchiolii per la ricerca di cibo.

I capodogli emettono i click usuali attorno all’80% del tempo trascorso sott’acqua, come mezzo per l’eco-localizzazione delle prede. Inaspettatamente, non producono tali suoni di notte, il che suggerisce che la notte non vadano a caccia “probabilmente perché le prede la notte sono più attive e più difficili da catturare”.

Gli studiosi hanno trascorso sei anni a registrare i capodogli al largo della costa orientale dell’Antartide usando tre ormeggi acustici altamente specializzati, progettati e realizzati dalla squadra di supporto tecnico dell’Australian Antarctic Division. I congegni operano fino a 3.500 metri di profondità e in temperature attorno a zero gradi. Il compito di ascoltare le registrazioni per localizzare i suoni, distribuiti su 46 mila ore di audio, è stato affidato a un algoritmo computerizzato.

La ricerca ha dato anche una migliore comprensione del comportamento di una specie che ha subito un pesante impatto dalla caccia alle balene negli ultimi secoli. “Si stima – scrivono gli studiosi – che vi fossero 1,1 milioni di capodogli all’inizio della caccia alle balene che iniziò negli anni 1780 e non è finita fino agli anni 1980. I dati più recenti suggeriscono che ne rimangano poche centinaia di migliaia”. I risultati dello studio saranno presentati al Comitato Scientifico della Commissione Baleniera Internazionale che si riunirà fra poche settimane a Florianpolis in Brasile.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*