Home » Medicina » Cancro e giovani: qualità della vita bassa a due anni dalla diagnosi

Cancro e giovani: qualità della vita bassa a due anni dalla diagnosi

(Reuters Health)La salute fisica e mentale correlate alla qualità della vita negli adolescenti e giovani adulti (AYA) malati di cancro (HRQoL) resta bassa a due anni dalla diagnosi. È quanto emerge da uno studio condotto in Olanda. La diagnosi di cancro e i trattamenti cui sono sottoposti adolescenti e giovani adultui possono influire negativamente sotto gli aspetti fisico, psicologico, sociale e relazionale. A oggi sono ancora pochi gli studi sulla qualità della vita dei giovani alle prese con una neoplasia, mentre invece n n mancano informazioni sugli adulti sopravvissuti a un cancro infantile.

Lo studio
I ricercatori  hanno esaminato 176 pazienti con diagnosi di cancro dai 15 ai 39 anni che hanno completato l’HRQoL Short Form 36 – un testa che misura la qualità della vita – entro 4 mesi dalla diagnosi di cancro e poi a distanza di 12 e 24 mesi. I risultati hanno evidenziato che i pazienti che non frequentavano la scuola o il lavoro presentavano un HRQoL peggiore rispetto a quelli che studiavano o lavoravano. Inoltre HRQoL risultava migliore nei pazienti non in trattamento rispetto a quelli in terapia. “Essere occupati nel lavoro o nello studio durante il trattamento può aiutare i pazienti a mantenere la normalità e le relazioni sociali con colleghi, compagni, amici e quindi a minimizzare i disagi della vita”, afferma Olga Husson, una delle autrici dello studio.” Il fatto che le funzioni fisiche e sociali siano state tra i domini HRQoL più colpiti 2 anni dopo la diagnosi di cancro denota l’importanza di una consulenza di sostegno psicologica e degli interventi scolastici, per aiutare i giovani pazienti ad essere coinvolti nel lavoro e nelle attività scolastiche e a mitigare le periodiche interruzioni dovute ai trattamenti, influendo positivamente sulla sopravvivenza”.

Fonte: Journal of Clinical Oncology

Reuters Staff

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*