Home » Medicina » Cancro dell’ovaio: linee guida sconsigliano screening a donne asintomatiche non a rischio elevato

Cancro dell’ovaio: linee guida sconsigliano screening a donne asintomatiche non a rischio elevato

(Reuters Health)- La US Preventing Services Task Force (USPSTF) sconsiglia lo screening del carcinoma ovarico nelle donne asintomatiche che non sono a rischio elevato, perché i potenziali danni dello screening supererebbero i benefici. L’ultima raccomandazione sullo screening del carcinoma ovarico è in linea con la bozza di raccomandazione della task force pubblicata a luglio 2017 e coerente con le raccomandazioni conclusive del 2012. Il nuovo rapporto e la revisione delle evidenze sono stati pubblicati da JAMA,

Le linee guida
L’USPSTF ha esaminato le evidenze cliniche dei benefici e dei rischi dello screening ovarico in donne asintomatiche senza alcuna patologia neoplastica ereditaria, che, come è noto, aumenta il rischio di cancro ovarico. Le metodologie esaminate includevano l’ecografia transvaginale (TVS), l’antigene del cancro 125 (CA-125) o entrambi i metodi, confrontati con la terapia abituale o senza screening. Esiti di interesse comprendevano la morte per carcinoma ovarico, la qualità della vita, il tasso di falsi positivi, le complicazioni chirurgiche e le conseguenze psicologiche dello screening. “

Le evidenze
“Vi sono prove adeguatamente sufficienti che lo screening non riduca le morti per mortalità da cancro ovarico e che i danni dallo screening possono essere rilevanti e in alcuni casi sostanziali, giacché possono portare a interventi chirurgici non necessari per le donne che non hanno il cancro”, afferma la task force nel suo rapporto.
Pertanto, le raccomandazioni concludono con “moderata certezza” che i danni dello screening per il carcinoma ovarico superano il beneficio, e il saldo netto benefici/ danni dello screening è negativo.
“Nessuna associazione di specialisti ha raccomandato lo screening del cancro ovarico, quindi la nostra raccomandazione concorda con le linee di indirizzo di altri gruppi come l’American Cancer Society, l’American College of Obstetricians and Gynecologists, l’American College of Radiology e altri”. Le note della task force sottolineano che queste raccomandazioni non si applicano alle donne portatrici di mutazioni genetiche che aumentano in maniera sostanziale il rischio di cancro ovarico. Le donne con mutazioni germinali sono candidate alla salpingo-ovariectomia (RRSO) per la riduzione del rischio cancro ovarico.
“Per ora, l’USPSTF ha fornito solide raccomandazioni cliniche e di salute pubblica sullo screening del carcinoma ovarico per donne asintomatiche a rischio medio”, concludono gli autori di un editoriale uscito su JAMA Oncology. “Nel frattempo, lo sviluppo di strumenti migliori per la valutazione del rischio, la prevenzione e la diagnosi precoce rimangono una priorità”, hanno scritto Charles Drescher e Garnet Anderson del Fred Hutchinson Cancer Research Center di Seattle.
Fonte: JAMA
Megan Brooks
(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*