Home » Medicina » Cancro al seno: nuove linee guida ASCO per pazienti ER positive

Cancro al seno: nuove linee guida ASCO per pazienti ER positive

seno(Reuters Staff) – Secondo le più recenti linee guida della American Society of Clinical Oncology (ASCO), alle pazienti ad alto rischio con carcinoma mammario ER-positivo che sono candidate per la chemioterapia adiuvante,  va offerta la possibilità della soppressione ovarica, ma non a quelle a basso rischio. La soppressione ovarica è stata utilizzata nel trattamento del cancro al seno per decenni, ma i suoi benefici sono meno chiari nell’era del tamoxifene e della chemioterapia, come hanno sottolineato in un articolo pubblicato sul Journal of Clinical Oncology, Harold J. Burstein e colleghi, del Dana-Farber Cancer Institute di Boston. I ricercatori hanno esaminato la letteratura in proposito, prendendo in considerazione anche due recenti ampi studi prospettici che non hanno rilevato un vantaggio dell’aggiunta della soppressione ovarica al tamoxifene per le donne in premenopausa con tumori ER-positivi. Tuttavia, un sottogruppo di donne ad alto rischio negli studi esaminati ha avuto un minor rischio di recidiva del cancro al seno con la soppressione ovarica.

Criteri di rischio secondo le linee guida
Le linee guida utilizzano i seguenti criteri per definire il rischio:

– le donne con tumore al seno e con stadio tumorale II o III, cui sarebbe consigliata la chemioterapia adiuvante, dovrebbero ricevere la soppressione ovarica con la terapia endocrina

– alle donne con tumore al seno e stadio  tumorale I o II, che hanno un più elevato rischio di recidiva e potrebbero prendere in considerazione la chemioterapia, si dovrebbe offrire  la possibilità della soppressione ovarica con la terapia endocrina

– le donne con tumore allo stadio 1,che non sono candidate per la chemioterapia, dovrebbero ricevere la terapia endocrina, ma non la soppressione ovarica

– le donne con tumori con linfonodi negativi di 1 cm o meno dovrebbero ricevere una terapia endocrina, ma non la soppressione ovarica.

 Opzioni e benefici
Le linee guida dicono che i benefici della soppressione ovarica includono l’estensione della sopravvivenza libera da malattia e la libertà dal cancro al seno e la recidiva a distanza, mentre i danni includono i sintomi peggiori della menopausa e delle funzioni sessuali, così come osteopenia / osteoporosi. Gli autori aggiungono che le linee guida supportano la soppressione ovarica per cinque anni che corrispondono al periodo degli ultimi trial pubblicati compresi nello studio e non riportano alcun ruolo per la soppressione ovarica adiuvante per le donne con tumore ER-negativo. La soppressione ovarica si può ottenere con tamoxifene o inibitori dell’aromatasi, secondo le linee guida, e i diversi profili degli effetti collaterali dei due trattamenti possono influenzare le preferenze delle pazienti. “I medici dovrebbero fare attenzione alla possibilità della soppressione ovarica incompleta con la terapia ormonale tramite agonista del rilascio delle gonadotropine e valutare le pazienti in cui vi è la preoccupazione per la funzione ovarica residua”, hanno aggiunto gli autori.

Fonte: J Clin Oncol 2016

 Reuters Staff

 (Versione italiana Quotidiano  Sanità/Popular Science)

 

 

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*