Home » Medicina » Cancro al seno: NAB-paclitaxel meglio di paclitaxel

Cancro al seno: NAB-paclitaxel meglio di paclitaxel

tumore seno(Reuters Health)- I ricercatori del German Breast Group di Berlino  hanno condotto uno studio randomizzato di fase 3 in cui le pazienti sono state trattate con nab-paclitaxel o paclitaxel a solvente normale, seguito da epirubicina e ciclofosfamide per via endovenosa (CE).
Le pazienti trattate con nab-paclitaxel (ovvero nanoparticelle dell’antitumorale paclitaxel legate all’albumina) hanno fatto evidenziare una migliore risposta terapeutica. Lo studio è stato pubblicato su Lancet Oncology.

Lo studio
Lo studio ha coinvolto 1.206 donne, 606 assegnate al gruppo nab-paclitaxel e 600 assegnate al gruppo paclitaxel solvente. Tutte le pazienti hanno ricevuto 12 settimane di trattamento. Il gruppo nab-paclitaxel ha ricevuto 150 mg / m2 per via endovenosa in un primo momento, poi dopo una modifica del protocollo, 125 mg / m2 nei giorni 1, 8, e 15 per quattro cicli di tre settimane. Il gruppo paclitaxel ha ricevuto 80 mg/m2 per via endovenosa alla stessa ora. Entrambi i gruppi hanno ricevuto un trattamento CE il giorno 1 di quattro cicli di tre settimane. Le pazienti con tumori HER2-positivi hanno ricevuto trattamenti con trastuzumab e pertuzumab il giorno 1 di ogni ciclo. Una risposta  patologica completa si è verificata in 233 (38,4%) delle pazienti NAB-paclitaxel, rispetto a 174 (29%) delle pazienti paclitaxel con solvente normale (odds ratio, 1.53; p = non aggiustato 0,00,065 mila). In particolare, le pazienti con cancro al seno triplo-negativo (n = 276, 23%) hanno mostrato un “effetto pronunciato” (OR, 2.61; p = 0,00020) con nab-paclitaxel.

Tra gli eventi collaterali avversi è verificata un’anemia di grado 3-4 anemia in 13 (2%) delle pazienti NAB-paclitaxel, rispetto a quattro (1%) delle pazienti paclitaxel, mentre una neuropatia sensoriale periferica di grado 3-4  si è si è verificata in 63 (10%) nel gruppo nab a qualsiasi dose, in 31 (8%) delle pazienti trattate con  la dose minima e in 32 (15%) delle pazienti trattate con la dose massima. Queste risposte corrispondevano al confronto con 16 pazienti (3%) del gruppo placitaxel (p <0.001). Complessivamente, 283 pazienti (23%) hanno riportato almeno un evento avverso grave, 156 (26%) nel gruppo nab-paclitaxel rispetto a 127 (21%) del gruppo placitaxel. In particolare, tre decessi si sono verificati nel gruppo nab-paclitaxel a causa di sepsi, diarrea e altri incidenti non collegati, rispetto a un decesso (a causa di insufficienza cardiaca) in pazienti trattati con paclitaxel con solvente normale.

Fonte: Lancet Oncol 2016

 Larry Hand

(Versione italiana Quotidiano Sanità/Popular Science)

 

 

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento


*