Home » Medicina » Broncopneumopatia cronica ostruttiva legata a cambiamenti del microbioma polmonare

Broncopneumopatia cronica ostruttiva legata a cambiamenti del microbioma polmonare

I pazienti con Broncopneumopatia cronica ostruttiva (Bpco) potrebbero presentare un microbioma polmonare differente. A rivelarlo è uno studio pubblicato su Plos One.

La patologia
Tosse, difficoltà respiratorie e forte produzione mucosa nei polmoni sono sintomi tipici della BPCO, malattia che, secondo le stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), potrebbe diventare la terza causa di morte al mondo nel 2030. Si presenta in diversi sottotipi, in alcuni casi associati a cambiamenti strutturali del tessuto polmonare.

Lo studio
Per indagare se il microbioma nei polmoni cambia in un modo che dipende dai diversi sottotipi, i ricercatori dell’Helmholtz Zentrum di Monaco hanno esaminato campioni raccolti da 9 individui sani e 16 con Bpco. Li hanno sottoposti a scansioni di tomografia computerizzata per assegnare i pazienti ai rispettivi sottotipi di malattia. Quindi hanno determinato la composizione della comunità microbica polmonare utilizzando marcatori genetici.

Si è visto che la composizione della comunità batterica nei polmoni dei pazienti con Bpco che non presentano cambiamenti strutturali è molto simile a quella dei soggetti sani, ma quella di soggetti malati che presentano cambiamenti strutturali differisce molto dagli altri due gruppi, indipendentemente dalla gravità della malattia.

I risultati indicano che per alcuni sottotipi di Bpco si verificano cambiamenti nelle comunità batteriche polmonari che possono promuovere un aumento dei batteri patogeni, in particolare gli Streptococchi, che si trovano spesso in polmoni strutturalmente alterati.

Nei polmoni di soggetti sani, invece, c’è una maggiore presenza dei batteri Prevotella, considerati ‘buoni’. Sarebbe quindi utile, concludono i ricercatori, studiare il microbioma quando si considera quali antibiotici o glucocorticoidi somministrare al paziente.

Add To TwiiterRetweet This Post item information on FacebookShare This Add LinkedinLinkedin Digg ThisDigg This Add To Del.icio.usBookmark This

About The Author

Lascia un commento

*